Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Zona gialla Veneto, Liguria, Marche e Trento. Dai ristoranti a bar e palestre, cosa cambia da domani

Domenica 19 Dicembre 2021
Zona gialla in Veneto, Liguria, Marche e Trento. Dai ristoranti a bar e palestre, cosa cambia da domani

Da lunedì 20 dicembre scatta la zona gialla in tre nuove regioni e nella provincia autonoma di Trento. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato l'ordinanza con cui si sancisce il passaggio in zona gialla per Marche, Liguria, Veneto e Trentino. Queste regioni cambieranno fascia e raggiungeranno il Friuli Venezia Giulia, la Calabria e Bolzano. Ma quali sono i numeri che decretano il passaggio in zona gialla di una regione? I dati che vengono presi in considerazione sono quelli che riguardano l’incidenza dei contagi ogni 100 mila abitanti, la percentuale di occupazione dei posti letto in area medica di pazienti Covid e la percentuale di occupazione delle terapie intensive. Al momento, le regioni che fanno registrare i numeri peggiori sono — ovviamente — quelle che sono già in zona gialla o che diventeranno gialle dalla prossima settimana: Friuli-Venezia Giulia, Provincia autonoma di Bolzano, Calabria, Provincia autonoma di Trento, Veneto, Marche e Liguria.

Capodanno 2021 a Roma, feste annullate e caccia ai party clandestini: si potrà andare in discoteca?

Le regole per il passaggio in zona gialla

Ricordiamo le regole per il passaggio: si va in fascia gialla con 50 casi settimanali ogni 100mila abitanti e un’occupazione dei posti letto in terapia intensiva pari al 10% e in area medica pari al 15%. Si va in zona arancione quando si ha tra i 150 e i 250 casi ogni 100mila abitanti, l’occupazione in terapia intensiva oltre il 20% e in area medica oltre il 30%.

Per queste regioni, dove sono stati superati i parametri stabiliti dal decreto Covid, scatta l'obbligo di mascherina anche all'aperto.  Per bar e ristoranti al chiuso incide il possesso o meno del Super Green pass. Se con il certificato rafforzato si può consumare sia al chiuso che all'aperto, senza, ovvero con il Green pass "base", la consumazione è possibile solo all'aperto. Nei ristoranti degli hotel (riservati agli ospiti della struttura) è sufficiente la certificazione "base".

 

Locali, parchi, palestre e piste di sci: cosa cambia

Inoltre, anche in zona gialla, non sono più previsti limiti di orari, i locali restano quindi aperti anche di sera. In zona gialla, come in quella bianca, è sempre consentito praticare sport all'aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, e al chiuso (dove però sarà necessario mostrare il Green pass base) nelle palestre e nelle piscine. E' anche possibile sciare: lo skipass, per l'accesso in via non esclusiva a funivie, cabinovie e seggiovie, è consentito tuttavia solo con il Green pass 'base', mentre quello per uso esclusivo di impianti di risalita può essere usato anche senza Green pass. L'accesso a stadi e palazzetti, invece, è consentito solo con il Super Green pass e la capienza è al 60% al chiuso e al 75% all'aperto.

Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre, 07:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA