Zone rosse anche in Molise, scatta il lockdown per 27 Comuni del distretto sanitario di Termoli

Domenica 7 Febbraio 2021
Zone rosse anche in Molise, scatta il lockdown per 27 Comuni del distretto sanitario di Termoli

Si allarga il numero delle micro-zone rosse in Italia. Dopo i casi della provincia di Perugia e in Toscana, anche ventisette comuni del Basso Molise entrano in zona rossa: lo ha deciso il presidente della Regione Donato Toma con una ordinanza su indicazione dell'Asrem. La decisione è stata presa dopo che nei giorni scorsi altri piccoli comuni della zona erano già finiti in regime ristretto. L'ambito è quello del distretto sanitario di Termoli.

Zona gialla e arancione, l'Italia da domani cambia colori: le regole. E spuntano le microzone rosse

Ma quali sono le altre zone rosse? In Umbria, fino al 21 febbraio, ma nei soli Comuni della Provincia di Perugia e nei Comuni di Amelia, Attigliano, Calvi dell'Umbria, Lugnano in Teverina, Montegabbione e San Venanzo della Provincia di Terni. In Toscana, nell’area di Chiusi (Siena) per una settimana. In Sicilia, Comune di Tortorici, in Abruzzo, Comune di Tocco da Casauria.

 

 

Numeri preoccupanti

Sono i numeri a preoccupare in Molise, non si interrompe infatti la catena dei decessi riconducibili al Covid-19. Nelle ultime 24 ore si sono registrate altre 5 vittime, 293 in totale dall'inizio dell'emergenza, 84 nuovi contagi, in leggera diminuzione rispetto a ieri (91), a fronte di 631 tamponi refertati, ieri 692, 31 guariti, 7 ricoveri nel reparto di malattie infettive dell'ospedale Cardarelli di Campobasso. Si apprende dal report diffuso in serata dall'Azienda sanitaria regionale (Asrem). Tra i nuovi contagi, si registrano 14 a Campomarino (Campobasso) e 17 a Termoli (Campobasso). Il totale dei ricoverati in malattie infettive è 71, due in più rispetto a ieri, 11 in terapia intensiva (invariato), quello degli attualmente positivi in regione è 1.408, gli asintomatici a domicilio 1.322, mentre il totale dei soggetti in isolamento è 1.561, 2.753 le visite domiciliari attualmente effettuate dalle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca).

 

Quali sono le misure nella zona rossa?

- E’ vietato ogni spostamento, anche all’interno del proprio Comune, in qualsiasi orario, salvo che per motivi di lavoro, necessità e salute. Sono vietati gli spostamenti da una Regione all’altra e da un Comune all’altro.

- Sono chiusi bari e ristoranti, 7 giorni su 7. L’asporto è consentito fino alle 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.

- Sono chiusi i negozi, fatta eccezione per supermercati, beni alimentari e di necessità.

- Restano aperte edicole, tabaccherie, farmacie e parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri. Sono chiusi i centri estetici.

- C’è la didattica a distanza per le scuole superiori, per le classi II e III delle secondarie di I grado. Restano aperte scuole dell’infanzia, primarie e la I classe della secondaria di I grado. Chiuse le università, salvo specifiche eccezioni.

- Sono sospese tutte le competizioni sportive salvo quelle riconosciute di interesse nazionale dal Coni e dal Cip. Sono sospese le attività nei centri sportivi. Rimane consentito svolgere attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva solo all’aperto in forma individuale.

- Sono chiusi musei e mostre, ma anche teatri, cinema, palestre, attività di sale giochi, sale scommesse, bingo, anche nei bar e nelle tabaccherie. Per i mezzi di trasporto pubblico è consentito il riempimento solo fino al 50%, fatta eccezione per i mezzi di trasporto scolastico.

 

Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio, 11:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA