Ucraina, medico ucraino intrappolato nelle acciaierie Azovstal, Sos a Erdogan: «Ci aiuti a uscire da qui, nel nome di Allah»

Mercoledì 11 Maggio 2022 di Franca Giansoldati
Ucraina, medico ucraino intrappolato nelle acciaierie Azovstal, Sos a Erdogan: «Ci aiuti a uscire da qui, nel nome di Allah»

Il volto emaciato, la barba lunga e incolta, lo sguardo sfinito. Un medico militare che si trova nelle acciaierie Azovstal, a Mariupol, sotto i bombardamenti russi da oltre 70 giorni, ha registrato un messaggio aperto per il presidente della Turchia, Erdogan. La traduzione integrale delle sue parole riassume la condizione delle centinaia di militari ucraini intrappolati nei sotterranei - molti dei quali appartenenti al famigerato battaglione Azov  - destinati a morte certa se non si realizzerà a breve una intesa con Putin per farli uscire. 

Dal Papa le mogli dei militari di Azov intrappolati a Mariupol. «Ci ha detto che ci aiuterà, farà il possibile e prega per noi»

«Non ricordo quale sia il giorno di guerra oggi: alcune persone stanno morendo di fame, disidratazione o traumi. I soldati feriti stanno morendo perché non possiamo curarli, perché le medicine sono insufficienti. Siamo in condizioni incompatibili con la parola "vita". Non abbiamo più tempo. Non so se ci sarà un domani» dice il ragazzo. 

Ucraina diretta, allarme dell'intelligence Usa: «La guerra sarà estenuante, Russia potrebbe usare armi nucleari»

«Sono un tataro di Crimea, sono musulmano. Ho una formazione medica e ora sto aiutando la popolazione di Azovstal. Non avevo mai visto la morte prima di questa guerra. Ho lavorato come medico in un'ambulanza e ho sempre fatto del mio meglio per salvare la vita delle persone. E ora è così straziante per me vedere come le persone muoiono una dopo l'altra qui, perché non abbiamo abbastanza medicine, perché marciscono vive... nel 2022.  Subiamo attacchi aerei, terrestri e marittimi ogni minuto. Vi prego di eseguire la procedura per portare tutti fuori di qui, compresi i militari. Fate un'esfiltrazione. Fermate questo orrore, per favore».

Ripete che i soldati si trovano dentro per difendere il loro paese. «Non abbiamo voluto questo, non abbiamo attaccato nessuno. La Turchia è sempre andata d'accordo con l'Ucraina, siamo amici che si sostengono a vicenda. Non sappiamo a chi appellarci... Quindi mi appello a voi per chiedere aiuto. Credo che Allah ripagherà tutti coloro che ci aiutano ora».

Ultimo aggiornamento: 20:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA