Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Arabia Saudita, donna condannata a 34 anni di carcere: ha usato twitter

Mercoledì 17 Agosto 2022
Arabia Saudita, Salma condannata a 34 anni di carcere: ha usato twitter

Condannata a 34 anni di carcere per aver aperto un profilo Twitter ed aver seguito e ritwittato dissidenti e attivisti: è quanto toccato alla 34enne saudita Salma al-Shehab - che frequenta un dottorato di ricerca all'università britannica di Leeds ed è madre di due bambini piccoli - una volta tornata per una vacanza nel suo Paese.

Case di riposo choc: blatte in cucina e operatori ubriachi. «Irregolari il 20%»

Come riporta il Guardian, la sentenza del tribunale speciale per i terroristi è stata emessa settimane dopo la visita del presidente degli Stati Uniti Joe Biden in Arabia Saudita, vista dagli attivisti come un incoraggiamento a intensificare la repressione nei confronti di dissidenti e di altri attivisti pro-democrazia.

Terrore sull'aereo, ubriaco prega e prova ad aprire il portellone in volo: «Ci vediamo in paradiso». Bloccato dai passeggeri

La donna è stata inizialmente condannata a tre anni di carcere per il «reato» di utilizzo di un sito Internet finalizzato a «causare disordini pubblici e destabilizzare la sicurezza civile e nazionale», ma lunedì una corte d'appello ha emesso la nuova sentenza di 34 anni di carcere e 34 anni di divieto di viaggio dopo che il pubblico ministero ha chiesto alla corte di prendere in considerazione altri presunti crimini.

Secondo una traduzione degli atti del tribunale di cui il Guardian ha preso visione, stando alle nuove accuse Shehab avrebbe aiutato «coloro che cercano di causare disordini pubblici e di destabilizzare la sicurezza civile e nazionale seguendo i loro account Twitter» e ritwittando i loro contenuti. Shehab dovrebbe ancora poter ricorrere in appello.

Ultimo aggiornamento: 18 Agosto, 17:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA