Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Usa choc, bambina di 10 anni incinta dopo uno stupro: per abortire ora dovrà cambiare Stato

Domenica 3 Luglio 2022 di Enrico Chillè
Usa choc, bambina di 10 anni incinta dopo uno stupro: per abortire ora dovrà cambiare Stato

A pochi giorni dalla storica sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti sull'aborto, emerge un caso assolutamente drammatico. Quello di una bambina di dieci anni, rimasta incinta dopo uno stupro, e impossibilitata ad accedere all'aborto per via delle leggi restrittive dello Stato in cui vive.

Leggi anche > «Feti abortiti nei vaccini anti Covid»: le parole choc del giudice della Corte Suprema anti-aborto e anti-gay

A denunciare l'accaduto è stata, per prima, una ginecologa di Indianapolis (Indiana). Caitlin Bernard era stata infatti contattata da un collega di uno Stato vicino, l'Ohio, che le aveva riferito l'accaduto. La bambina, incinta di sei settimane e dieci giorni, non poteva abortire nel proprio Stato perché l'Ohio, subito dopo la sentenza che aveva abolito la Roe vs. Wade, aveva impedito l'aborto dopo le sei settimane, in qualsiasi caso. L'Indiana, finora, non ha cambiato le proprie leggi sull'aborto, ma sembra che stia pianificando una riforma in senso più restrittivo. E quindi la piccola deve trasferirsi il prima possibile per interrompere la gravidanza.

«Negli ultimi dieci giorni, la clinica in cui lavoro è stata presa d'assalto da pazienti provenienti dall'Ohio e dal Kentucky» - spiega la ginecologa di Indianapolis - «È difficile immaginare che fra poco nemmeno noi saremo in grado di fornire assistenza». Intanto, però, la politica reagisce agli effetti della sentenza della Corte Suprema: gli Stati repubblicani hanno già fatto passare leggi più restrittive sull'aborto, quelli democratici stanno cercando di rafforzare le leggi che tutelano la libertà di scelta delle donne.


La terribile vicenda della bambina sta facendo discutere e sta diventando anche un caso politico. Il procuratore generale della Carolina del Nord, il democratico Josh Stein, ha commentato così il caso dell'aborto negato: «Una bambina di 10 anni, vittima di abusi, non potrà abortire perché incinta da sei settimane e tre giorni. È pazzesco. Ha 10 anni!».

Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 16:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA