Biden cambia lo Studio Ovale: ecco il suo stile, dai busti alle foto a quel vecchio tappeto

Giovedì 21 Gennaio 2021 di Anna Guaita
Biden cambia lo Studio Ovale: ecco il suo stile, dai busti alle foto a quel vecchio tappeto

NEW YORK – Presidente nuovo, stile nuovo. L’arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca ha portato dei cambiamenti nello Studio Ovale, anche se non drastici come quelli che aveva chiesto Donald Trump al suo arrivo nel gennaio del 2017.

Le novità oggi sono più che altro simboliche. Il busto di Winston Churchill è stato riportato nel corridoio, dove lo temeva Obama, e al suo posto adesso compaiono quello del leader sindacale Cesar Chavez, e dei simboli della lotta per i diritti civili Martin Luther King, Robert Kennedy, Eleanor Roosevelt e Rosa Parks. Brilla anche il ritratto di Benjamin Franklin, uno dei Padri Fondatori, nonché quello che più credeva nella scienza.

 

Amanda Gorman, la poetessa in giallo: dai disturbi del linguaggio ai 2 milioni di fan su Instagram

Biden, giallo sulla censura vaticana a una lettera dei vescovi Usa: conteneva un appello contro l'aborto

 

 

 

Le scelte

 

 

Si tratta di scelte ovviamente simboliche, che mandano un messaggio a tutti coloro che visitano la sede del potere esecutivo americano, uno spazio di appena 76 metri quadrati. Il ritratto di Franklin ad esempio prende il posto di quello del presidente Andrew Jackson, ichiesto da Trump che lo ammirava molto, ma che nella storia Usa è rimasto famoso soprattutto per la sanguinosa lotta agli indiani. Jackson era stato un generale della giovane repubblica statunitense, e come tale aveva condotto le guerre contro gli indiani Creek e Seminole. Poi, eletto presidente nel 1828 con una campagna populista contro l’ “aristocrazia” di Washington, aveva continuato nella sua missione di aprire le terre ai pionieri togliendole agli indiani. Il tristemente famoso esodo forzato di Cherokee, Muscogee, Seminole, Chickasaw e Choctaw verso i neo-designati  “territori indiani”, all’ovest del Mississippi, prese il nome di «trail of tears», il sentiero del pianto, per quanti indiani morirono di stenti e di freddo nelle marce forzate.

Chiaro dunque che Biden non avrebbe sopportato di avere Jackson che lo guardava dall’alto. Il nuovo presidente, va ricordato, ha fatto campagna presso le riserve indiane che hanno votato in massa per lui, e ha nominato anche il primo ministro indiano, Deb Haaland, dei Pueblo del Nuovo Messico, destinata agli Interni.

Il quadro di Franklin, in prestito alla Casa Bianca dalla Smithsonian Institution, ha a sua volta un valore simbolico non indifferente. Non solo Biden vede in Franklin uno dei Padri Fondatori, signatario sia della Dichiarazione di Indidipendenza (1776) che della Costituzione (1787), ma anche l’uomo di cultura illuminista che fondò due università, e l’appassionato scienziato inventore di numerosi oggetti ancora oggi in uso (la stufa economica, il parafulmine, gli occhiali bifocal, le pinne per nuotare, ecc) In un solo ritratto, Biden afferma la sua fede nella Costituzione, nella cultura e nella scienza. Guarda caso, sotto il ritratto, su uno scaffale, fa la sua bella mostra anche una delle petre riportate dalla luna, un altro messaggio da parte di un presidente che vuole ridare lustro alla Nasa.

Anche la scelta di un campione dei diritti dei lavoratori come Cesar Chavez ha un valore doppio, non solo perché Chavez è stato un noto e ammirato sindacalista, ma perché ha combattuto in difesa specificatamente dei braccianti agricoli, per i quali fondò la National Farm Workers Association.

Per alcuni, la scelta di mettere il busto di Chavez alle spalle della sua scrivania è da interpretare come un segnale,  un modo per Biden per ricordare al pubblico la sua promessa elettorale di battersi per i diritti dei braccianti, quasi tutti provenienti dal Messico e utilizzati dalle grandi aziende di agri-business spesso con paghe misere e con nessun diritto.

Inutile poi spiegare il significato di Martin Luther King e Rosa Parks, i due grandi ideali della lotta per i diritti delle minoranze afro-americane, quelle che per Biden si sono battute fino all’ultimo voto. Il busto di King è affiancato al busto di Robert Kennedy, il senatore alleato e amico di King, ucciso nel 1968, e a quello di Eleanor Roosevelt, la moglie del presidente Franklin Delano Roosevelt, che fu una grande paladina dei diritti dei poveri e coautrice della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. 

Escono gli stendardi dei vari corpi delle Forze Armate, voluti da Trump, ma che in passato non erano mai stati presenti nello studio presidenziale. Abolito anche il bottone rosso che Trump usava per ordinare un bicchiere di Coca Cola freddo.  

Da notare però che fra tante scelte che parlano di politica e ideologia, ce n’è anche una diversamente simbolica, che parla di una volontà di economia. Biden non ha chiesto spese nuove per lo Studio Ovale, non ha chiesto tende o divani, ha solo voluto cambiare il tappeto giallo che aveva scelto Trump, con uno più tradizionale, blu. Ma lo ha trovato in soffitta. Quello che adesso adorna lo Studio era lo stesso della presidenza Clinton. Pulito e arrotolato, era stato messo in naftalina  20 anni fa, ma finalmente è stato riportato agli onori dello Studio Ovale.

 

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio, 07:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA