Un ordigno inesploso in valigia come "souvenir": all'aeroporto di Tel Aviv scatta l'allarme bomba, scene di panico. Il video

Venerdì 29 Aprile 2022
Un ordigno inesploso in valigia come "souvenir": all'aeroporto scatta l'allarme bomba, scene di panico Il video

Avrebbero potuto accontentarsi della classica calamita, invece come "souvenir" del viaggio in Israele hanno scelto di riportarsi a casa una bomba inesplosa, scatenando il panico nell'aeroporto di Ben Gurion, poco fuori Tel Aviv. Una famiglia americana è stata fermata poco prima dell'imbarco sull'aereo, con in valigia un ordigno degli anni '60, che ha fatto scattare l'allarme bomba. Un video diffuso sui social mostra le persone strisciare a terra fin sotto alle panchine per cercare ripare. Un uomo, nel tentativo di ripararsi, è saltato sul nastro bagagli riportando ferite gravi, con conseguente trasporto all'ospedale.

 

Israele-Palestina, razzi da Gaza su Sderot che risponde con raid aerei: è la più grande escalation da maggio 2021

Gerusalemme, scontri sulla Spianata delle Moschee tra polizia e palestinesi

 

Cosa è successo

Le scene di panico sono giustificate dall'alta tensione che vive Israele, sempre a rischio nuovi attentati per la guerra con i palestinesi. La bomba è stata scoperta al check-in dell'aeroporto, provocando un'evacuazione di massa dell'area. «Quando sono arrivati ​​per controllare i bagagli, hanno mostrato il pezzo alla sicurezza. Trattandosi di un ordigno, è stata annunciata l'evacuazione dell'area», hanno detto le autorità aeroportuale. Ristabilito l'ordine e appurato che non si trattasse di terroristi, la famiglia è stata interrogata e ha spiegato cosa è successo. Durante il viaggio sulle alture del Golan (dove si era combattuta la guerra tra Israele e Siria a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta), uno dei figli ha trovato l'ordigno e ha deciso di portarlo negli Stati Uniti. 

 

Ultimo aggiornamento: 16:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA