Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia, in arrivo i caccia senza pilota "Okhotnik". «Possono individuare e colpire i bersagli in autonomia»

Mercoledì 18 Maggio 2022
Russia, in arrivo i caccia senza pilota "Okhotnik". «Possono individuare e colpire i bersagli in autonomia»

La Russia inizierà a produrre in serie i suoi caccia senza pilota “Okhotnik” nel 2023: lo ha detto l'amministratore delegato della società statale di armamenti Rostec, Sergey Chemezov, durante un incontro con il presidente russo Vladimir Putin. Lo riporta la Tass. «Nel 2021 è stato presentato il primo modello e nel 2023 lanceremo la sua produzione in serie per equipaggiare il ministero della Difesa», ha affermato Chemezov.

 

Guerra, perché gli aerei russi non colpiscono gli obiettivi? «Mosca non ha soldi per missili a guida automatica»

 

Cosa sono gli Okhotnik

Il drone sviluppato dalla Sukhoï avrebbe un'apertura alare di 20 metri per una lunghezza di 14 metri. Con un peso al decollo di 20 tonnellate, sarebbe in grado di volare a una velocità di 1.000 km /h con una autonomia di circa 6.000 km. L’S-70 è stato costruito facendo ampio ricorso a materiali compositi (l’intera superficie del drone dovrebbe essere ricoperta di un rivestimento in grado di assorbire le onde radar) ed ha un payload di 2.000 kg, in due stive interne, si legge sul portale "difesaonline.it".

Il drone russo potrebbe trasportare il missile aria-superficie, appositamente modificato per essere trasportato all’interno delle stive degli UCAV, KTRV Kh-38M da 500 kg e i missili aria-aria a lungo raggio R-77M (con gittata di 200 km). «Ci si aspetta anche che abbia una modalità operativa completamente autonoma e sia in grado di cercare, segnalare e attaccare determinati tipi di obiettivi», aveva comunicato la Tass. La consegna era prevista per il 2024, ma è stata anticipata di un anno. 

 

Progettato per portare a termine missioni di pattugliamento, ricognizione, bombardamento e scorta armata, si basa sul precedente MiG Skat, progettato da MiG, ed incorpora alcune delle tecnologie utilizzate sul Sukhoi Su-57, aereo da combattimento stealth di quinta generazione.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 08:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA