Kim confisca i cani da compagnia: «Rappresentano decadenza occidentale». I proprietari: «Finiranno cucinati al ristorante»

Giovedì 20 Agosto 2020 di Remo Sabatini
Kim Jong-un vuole confiscare i cani da compagnia: "Il cibo scarseggia". L'allarme dei proprietari: "Finiranno nei ristoranti!" (immagine pubbl da Leggo)

La Corea del Nord ha lanciato un giro di vite che vede coinvolti i cani da compagnia e i loro padroni con i primi che saranno confiscati e il divieto di possesso successivo per i secondi. Questo, il sunto dell'ordinanza imposta da Kim Jong-un nel luglio scorso, resa nota dall'edizione inglese del quotidiano sudcoreano Chosun Ilbo che spiega le direttive già messe in campo dalle autorità. Tra le motivazioni dell'ordinanza, «le scorte di cibo che scarseggiano» e la «necessità di proteggere il Paese dalla decadenza capitalista».

LEGGI ANCHE Germania, dal 2021 sarà obbligatorio far uscire i cani almeno due volte al giorno

Lo stesso leader Kim Jong-un, stando al quotidiano sudcoreano, avrebbe definito il possesso di animali domestici come «una tendenza contaminata dall'ideologia borghese». Così, mentre le famiglie incriminate sarebbero già state identificate dalle autorità, l'allarme dei proprietari e delle associazioni internazionali cresce. Che ne sarà di quei cani? Secondo il Chosun Ilbo, alcuni di quei cani potrebbero essere trasferiti allo zoo. Per gli altri, indubbiamente meno fortunati, la sorte potrebbe essere ben più crudele, visto che finirebbero per essere trasformati in pietanza al ristorante.

Ultimo aggiornamento: 19:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA