Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Charlotte Bellis, la reporter incinta respinta dalla Nuova Zelanda per le norme anti-Covid: accolta dai talebani

Domenica 30 Gennaio 2022
Charlotte Bellis, la reporter incinta respinta dalla Nuova Zelanda per le norme anti-Covid: accolta dai talebani

Una storia surreale. Una giornalista neozelandese incinta è stata accolta dai talebani a Kabul dopo che, a causa delle norme anti-Covid, il suo Paese non l'ha autorizzata a rientrare dal Qatar. Charlotte Bellis, questo il nome della reporter che ha raccontato la sua storia «brutalmente ironica» al New Zealand Herald, in agosto aveva lavorato in Afghanistan per Al Jazira assieme al suo compagno, il fotografo belga Jim Huylebroek.

Covid, la metà delle donne incinte nel Lazio è senza vaccino: scatta l'allerta

Era rientrata al quartier generale di Doha a settembre quando si è accorta di essere incinta. Essendo illegale in Qatar aspettare un figlio senza essere sposati la giornalista ha deciso di rientrare in Nuova Zelanda ma le rigide norme anti-Covid imposte nel suo Paese le hanno impedito l'ingresso.

A quel punto lei e il suo compagno si sono trasferiti in Belgio ma non avendo un permesso di soggiorno non è potuta restare. L'unico altro Paese per il quale la coppia aveva il visto era l'Afghanistan e così Charlotte ha deciso di rivolgersi ai suoi contatti tra alti funzionari talebani.

Donna incinta non vaccinata ricoverata per polmonite da Covid. Il primario: «Ospedale sotto pressione»

«Siamo felici per te, puoi stare qui, non avrai nessun problema», le hanno detto aggiungendo di dire di essere sposata ma qualora si venisse a sapere che non lo è di «chiamarli».

 

 

«Andrà tutto bene», l'hanno rassicurata. Bellis, che dovrebbe partorire una bambina a maggio, non è ancora riuscita a tornare in Nuova Zelanda ma ha detto che raccontare la sua storia ha velocizzato la procedura per l'ingresso. Il ministro neozelandese per l'emergenza Covid Chris Hipkins ha chiesto verifiche sul suo caso.

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA