Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cina minacciata da Anonymous: «Non fate stupidaggini a Taiwan». Portaerei Liaoning a rischio sabotaggio

Sabato 7 Maggio 2022
Cina minacciata da Anonymous: «Non fate stupidaggini a Taiwan». Portaerei Liaoning a rischio sabotaggio

L'avvertimento non usa giri di parole: «Non fate nulla di stupido a Taiwan». Ossia, non provate a invaderla. Le ripercussioni in caso contrario? Come quelle riservate alla Russia, dopo l'attacco all'UcrainaAnonymous lancia un attacco-minaccia alla Cina. E lo fa hackerando la pagina web di un ente statale, quella del Partito Comunista Cinese (PCC). 

 

Corea del Sud si avvicina alla Nato: ammessa alla difesa cyber. La Cina: «Si rischia un'altra Ucraina»

 

Anonymous minaccia la Cina

Il collettivo globale di pirati informatici invita Pechino a stare attenta a come si muove a Taiwan. Non sono poi tanto velati gli "appetiti" della Cina su quella che la leadership comunista considera una “provincia ribelle”. Con il rischio invasione che sembra poter essere dietro l'angolo. Ecco dunque la minaccia preventiva di Anonymous. Lanciata nei giorni scorsi. 

 

 

 

Il raid informatico

 

Vittima del raid informatico di qualche giorno fa - come riporta tra gli altri Taiwan News - è stato il sito web di un ufficio distrettuale di Chengdu della Conferenza politica consultiva del popolo cinese, organismo chiamato a formalizzare decisioni già prese dal presidente Xi Jinping e dai vertici del Partito comunista cinese. E non è la prima volta che Anonymous prende di mira il governo cinese. Già in passato l'hacker, "Cyber Anakin”, si è infiltrato per cinque giorni i sistemi informatici di Pechino, compresi quelli di alcune centrali nucleari. Nell’ultimo blitz, partito il 2 maggio, i pirati informatici hanno impostato l’interfaccia della pagina web hackerata con le bandiere di Tibet, Taiwan, Turkestan orientale (Xinjiang) e Mongolia interna: tutte realtà che le autorità cinesi ritengono a rischio “separatismo”.

 

 

Gli obiettivi di Anonymous

La minaccia a Pechino segue quelle - che si sono poi tradotte in azioni concrete - riservate alla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio. Anonymous ha attaccato più volte le strutture web del Cremlino. Gli hacker, nel caso della Cina, hanno minacciato di sabotare i sistemi informatici della portaerei cinese Liaoning. A loro dire potrebbe fare la fine dell’incrociatore russo Moskva, affondato di recente dopo un probabile attacco missilistico ucraino. Perché proprio questa portaerei? Perché è la prima della flotta cinese e per giunta ha origine sovietica: varata nel 1988 nei cantieri navali di Nikolayev, dopo la caduta dell'Urss fu trasferita - guarda caso - in Ucraina. E  poco prima del 2000 sfu venduta alla Repubblica Popolare Cinese.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento