Cnn, si dimette il presidente Jeff Zucker: ha tenuto nascosta una relazione con una collega

Cnn, si dimette il presidente Jeff Zucker: ha tenuto nascosta una relazione con una collega
Mercoledì 2 Febbraio 2022, 19:45 - Ultimo agg. 4 Febbraio, 10:36
4 Minuti di Lettura

«Sono stati nove grandi anni e non avrei voluto che finisse così»: il presidente della Cnn Jeff Zucker si è dimesso per aver taciuto con l'azienda una relazione amorosa con Allison Gollust, «la sua più stretta collaboratrice». 56 anni e da nove a capo della rete all news, Zucker era anche presidente delle news di WarnerMedia e della sua divisione sport: come tale fino ad oggi uno degli uomini più potenti della televisione americana.

Cuomo, archiviate le accuse di molestie. Il procuratore: «Non possiamo proseguire il processo»

La relazione

La relazione con la Gollust, capo del marketing e delle comunicazioni, è un contraccolpo indiretto delle inchieste sui fratelli Cuomo: sarebbe stato Chris Cuomo, che sta negoziando i termini del licenziamento dalla rete, ad aver fatto la soffiata su quello che molti a New York consideravano «un segreto aperto». Chris è stato messo alla porta in dicembre per aver aiutato il fratello Andrew a gestire lo scandalo sessuale che la scorsa estate lo aveva portato a dimettersi da governatore dello stato di New York. E ai boss di Cnn, che gli stanno negando i 18 milioni di dollari previsti se avesse portato a buon fine il suo contratto, ha fatto presente che, non solo lui, ma anche Zucker aveva un conflitto di interesse essendo andato a letto per anni con la donna che aveva assunto alle sue dirette dipendenze. Già collaboratrice di Zucker alla Nbc, Allison era stata per quattro mesi nel 2012 portavoce di Andrew Cuomo, ma aveva lasciato il governatore quando Jeff era stato chiamato ai vertici della Cnn. In dichiarazioni separate, sia lei che lui hanno parlato di una relazione «evoluta» nei mesi del Covid, ma è una versione a cui pochi hanno creduto.

La storia «andava avanti da anni», scrivono i media americani, forse addirittura da quando erano tutti e due alla Nbc e abitavano in appartamenti contigui con i rispettivi coniugi, Caryn e Bill, da cui hanno poi divorziato a pochi mesi di distanza. Il terremoto alla Cnn ha visto gongolare la rivale Fox. L'ex presidente Donald Trump, di cui Zucker ai tempi della Nbc aveva resuscitato l'immagine accordandogli il programma «The Apprentice», ne ha salutato l'uscita di scena con una sfilza di veleni tra cui spicca quello di «verme di prima classe». Inizialmente, nella bagarre dei Cuomo, Zucker aveva protetto Chris (e in questo i maligni avevano visto l'influenza della Gollust), poi però l'aveva scaricato quando nuove accuse di molestie avevano aggravato la posizione dell'anchor e alla fine si era irrigidito anche sulla liquidazione.

«Nel corso di un'inchiesta su Cuomo mi è stato chiesto di una relazione consensuale con la mia collega più stretta, una con cui ho lavorato per oltre vent'anni», ha scritto l'ex presidente nel memo letto in diretta dagli anchor sbigottiti. «Quella relazione si è evoluta negli ultimi anni. Avrei dovuto rivelarla quando è cominciata». L'addio di Zucker, con effetto immediato, ha gettato scompiglio nei piani del network che, con la sua parent company, dovrebbe essere acquistato nel corso del 2022 da Discovery Inc in una delle fusioni di più alto profilo nel settore dei media. Le dimissioni arrivano anche mentre la Cnn sta per lanciare il progetto più ambizioso della sua lunga storia: il lancio del servizio in streaming Cnn+ per cui la rete ha rubato alla Fox uno dei suoi anchor di punta, Chris Wallace. La partenza di Zucker non cambia apparentemente nulla nella posizione della Gollust che ancora l'anno scorso era data tra i papabili alla successione al vertice della rete. Furibonde per questo, stando al «New York Post», molte donne della Cnn: «Perchè lei può tenere il lavoro quando è stata promossa mentre andava a letto con il capo?», ha detto una fonte del tabloid del gruppo Murdoch.

Cuomo, archiviate le accuse di molestie. Il procuratore: «Non possiamo proseguire il processo»

© RIPRODUZIONE RISERVATA