Corea del Nord, piogge e inondazioni: almeno 5mila sfollati

Sabato 7 Agosto 2021
Corea del Nord, piogge e inondazioni: almeno 5mila sfollati

Il maltempo continua a creare disagi nel mondo e in Corea del Nord piogge e inondazioni hanno generato almeno 5.000 sfollati. Lo riferisce l'emittente di Stato, sottolineando come l'allagamento di vaste porzioni di terreni agricoli rischi di aggravare la crisi alimentare in atto nel Paese. Un allarme in questo senso è stato lanciato il mese scorso dalle agenzie per l'alimentazione e l'agricoltura dell'Onu, secondo le quali la Corea del Nord starebbe affrontando una carenza di cibo stimato solo per quest'anno in circa 860.000 tonnellate. Le immagini diffuse dall'emittente KCTV di Pyongyang mostrano l'acqua che arriva fino ai tetti delle case e ponti danneggiati.

Como, esonda il lago: strade allagate, 100 evacuati. Albergo travolto dal fango

A commento si afferma che «centinaia di ettari di terreni agricoli» sono stati sommersi o persi anche nella provincia meridionale di Hamgyong, la più colpita, dove sono crollati gli argini di un fiume. La deforestazione e le scarse infrastrutture hanno reso la Corea del Nord particolarmente vulnerabile alle calamità naturali. Già la scorsa estate una serie di tifoni avevano provocato inondazioni che avevano danneggiato terreni agricoli e distrutto migliaia di case. Il leader Kim Jong Un ha affermato a giugno che la situazione dell'approvvigionamento alimentare del Paese stava «diventando tesa» e ha chiesto misure per ridurre al minimo l'impatto dei disastri naturali. Ma il Paese, che già negli anni '90 aveva risentito di gravi conseguenze dopo il crollo dell'impero sovietico, fa ora i conti con la chiusura delle frontiere dovuta alla pandemia di Covid-19 che lo ha quasi completamente privato degli importanti approvvigionamenti provenienti da Pechino.

Ultimo aggiornamento: 8 Agosto, 11:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA