Virus, Amsterdam: anche nel distretto a luci rosse arriva l'obbligo di mascherina

Venerdì 31 Luglio 2020
Amsterdam, anche nel distretto a luci rosse arriva l'obbligo di mascherina

Alla fine anche l'Olanda ha ceduto. Uno dei paesi più ostinati contro l'obbligo della mascherina, insieme ad altri dell'Europa del nord, ha imposto ai visitatori delle zone più affollate di Amsterdam e Rotterdam di indossare il dispositivo di protezione individuale per limitare la diffusione del coronavirus. Obbligo di mascherina dunque anche nel celebre distretto a luci rosse di Amsterdam, che ha riaperto i battenti il 1° luglio dopo un periodo di tre mesi di chiusura causa covid-19. La direttiva entrerà in vigore dal 5 agosto ed è stata imposta a tutte le persone dai 13 anni in su. Previste multe salate (le cui cifre non sono però state ancora rese note) per coloro che non la rispettano.

LEGGI ANCHE Conte in Olanda, il sovranista Wilders lo contesta: «Non un centesimo all'Italia»

In Olanda c'è ancora molta divisione sull'uso delle mascherine. Le stesse autorità sanitarie nella giornata di ieri hanno dichiarato che non ci sono ancora prove sufficienti sulla loro efficacia per giustificare un odrine nazionale, quando invece nel resto del mondo è stato dimostrato che prevengono molto bene dalla diffusione del virus.
I tassi di infezione nel paese sono di nuovo aumentati durante la scorsa settimana, specialmente tra i giovani.

LEGGI ANCHE Paesi frugali, quali sono e perché si oppongono all'Italia

I Paesi Bassi hanno riportato un totale di 6.145 morti - la metà dei quali erano persone di età pari o superiore a 83 anni - e oltre 53.000 casi dall'inizio dell'epidemia.  Il Primo Ministro Mark Rutte è stato costretto a lanciare un nuovo appello affinché le persone si attengano alle misure di distanziamento sociale. 
 

 

Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 09:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA