CORONAVIRUS

Coronavirus in Spagna, è massima allerta: «87.000 morti se non riusciremo a contenere il virus»

Giovedì 19 Marzo 2020 di Marta Ferraro
​I medici della UCI in Spagna stimano che nel paese potrebbero esserci 87.000 decessi se non verranno prese in considerazione le misure di contenimento del virus

Le società scientifiche spagnole Semicyuc, rappresentante degli specialisti in medicina intensiva, e SEEIUC, rappresentante degli infermieri di terapia intensiva, hanno presentato un piano di emergenza che include una stima dei decessi che potrebbero verificarsi, nel peggiore dei casi si stima che i morti potrevvero arrivare fino a 87.000 unità, mentre nella migliore delle ipotesi il numero dei decessi potrebbe fermarsi a 36.000.

LEGGI ANCHE Coronavirus, primi effetti su Borse e Spread 
 
I professionisti ritengono necessario disporre di questo piano di emergenza per rispondere ai problemi sanitari attraverso la riorganizzazione strutturale, risorse umane e materiali; nonché la prevenzione delle infezioni nel personale sanitario.

Pertanto, per preparare le loro stime, gli esperti hanno tenuto conto dei dati più affidabili sul tasso di mortalità globale di covid-19, del 3,46%, fornito dal Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie. Sebbene l'attuale tasso di contagio in Spagna suggerisca che il tasso sia superiore al tasso indicato, secondo il modello utilizzato.
 


Come riferisce il portoale Actualidad, in Spagna sono state prese in considerazione tutte le risorse disponibili: 95.194 letti ospedalieri disponibili negli ospedali pubblici, di cui 3.598 (3,78%) sono letti in terapia intensiva e il 92% di questi letti con ventilatori.

Allo stesso modo, i medici hanno considerato anche altre variabili per preparare le loro prognosi, come la durata media della degenza ospedaliera (non in terapia intensiva) per una malattia correlata alla covide-19 di 11 giorni; la durata media di permanenza in terapia intensiva, 14 giorni; e l'uso durante tutto quel tempo, 14 giorni, di ventilazione meccanica.

Pertanto, con tutti i dati raccolti, gli esperti suggeriscono che lo scenario che meglio si adatta alla situazione attuale delle comunità più colpite in Spagna si riferisce a un tasso di attacco lordo del 35% e a una previsione di 12 settimane.

 

Ultimo aggiornamento: 20:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA