Covid, pediatri Usa sotto choc: «Da inizio pandemia più di un milione di bambini contagiati». Timori per gli effetti a lungo termine

Martedì 17 Novembre 2020 di Michele Galvani
Covid, Usa sotto choc: «Da inizio pandemia più di un milione di bambini contagiati». Timori per gli effetti a lungo termine

L'America è sotto choc: a più di un milione di bambini statunitensi «sotto i 18 anni è stato diagnosticato il Covid-19 dall'inizio della pandemia», ha fatto sapere l'American Academy of Pediatrics and Children’s Hospital Association. Numeri ufficiali, che fanno paura. «Al 12 novembre, un totale di 1.039.464 bambini sono risultati positivi al Covid-19 dall'inizio della pandemia. Nel periodo di una settimana, finita il 12 novembre scorso, ci sono stati 111.946 nuovi casi nei bambini, che è sostanzialmente più grande di qualsiasi settimana precedente nella pandemia», hanno detto i pediatri in una dichiarazione congiunta. «L'aumento tiene traccia dei picchi del virus nelle comunità degli Stati Uniti», hanno aggiunto.

Covid a Roma, paura per i ragazzi della scuola Ovidio: ospitati da 20 suore positive

«In qualità di pediatra che pratica la medicina da oltre tre decenni, trovo questo numero sconcertante e tragico. Non abbiamo visto un virus così aggressivo nelle nostre comunità in questo modo da prima che avessimo vaccini per il morbillo e la poliomielite», ha detto la dottoressa Sally Goza, presidente dell'American Academy of Pediatrics, che rappresenta i pediatri. «Abbiamo urgentemente bisogno di una nuova strategia nazionale per controllare la pandemia, e che dovrebbe includere l'attuazione di misure di salute pubblica comprovate come indossare la mascherina e l'allontanamento fisico», ha aggiunto Goza.

 

«Questa pandemia sta causando un pesante tributo a bambini, famiglie e comunità, così come a medici e altre équipe mediche di prima linea - ha proseguito la dottoressa -. Dobbiamo lavorare ora per ripristinare la fiducia nella nostra sanità pubblica e nelle agenzie scientifiche, creare sgravi fiscali sia per le famiglie sia per i pediatri e sostenere i sistemi che supportano i bambini e le famiglie come le nostre scuole, la cura della salute mentale e l'assistenza nutrizionale». Sebbene malattie gravi e decessi rimangano rari, il gruppo ha esortato le autorità sanitarie a fare di più per raccogliere dati sugli effetti a lungo termine sulla salute dei bambini.

Lockdown, i bimbi nati morti triplicati nel Lazio. Studio La Sapienza: «Colpa dei controlli saltati»

Covid, Burioni: «Basta blaterare di immunità di gregge, stop bugie pericolose: serve il vaccino»

Nel frattempo, molti medici e infermieri in prima linea nella crisi americana hanno detto alla Cnn di essere setremati e che «non si sentono più degli eroi». Gli Stati Uniti hanno superato domenica 11 milioni di casi di coronavirus, secondo i dati della Johns Hopkins University, poiché gli stati di tutto il paese si sono mossi per emanare restrizioni nel tentativo di frenare la diffusione. L'ultimo pesante dato è arrivato appena sei giorni dopo che gli Stati Uniti hanno registrato 10 milioni di casi, secondo i numeri di Johns Hopkins. 

Alimentazione, dieta sbagliata nei bimbi blocca la crescita fino a 20 centimetri: i ragazzi più alti nei Paesi Bassi

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA