Covid, Paesi ad alto rischio contagio: Bahamas e Marocco entrano nella black list degli Usa

Martedì 24 Agosto 2021
Covid, paesi ad alto rischio contagio: gli Stati Uniti aggiungono Bahamas e Marocco nella lista

Rischio contagio alto nelle Bahamas e in Marocco. Lo segnalano i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. I due paesi sono stati inseriti nell’elenco delle destinazioni considerate pericolose a livello sanitario, che raccoglie tutte le mete a "Livello 4: Covid-19 molto alto". «Chiunque debba viaggiare dovrebbe essere prima completamente vaccinato», consiglia l’agenzia. Anche altri quattro paesi sono stati trasferiti nelle mete più a rischio: Haiti - dove la situazione è precitata a causa del terremoto di magnitudo 7,2 che ha colpito l’area sud-ovest -, Kosovo, Libano, Sint Maarten.

 

Green pass da settembre per viaggiare su treni, aerei e traghetti

Covid, l'Inps non paga più la quarantena: che succede ora? Ecco cosa c'è da sapere


Nelle destinazioni che rientrano nella categoria di “Livello 4” si contano più di 500 casi ogni 100mila abitanti, registrati negli ultimi 28 giorni. L’elenco “Livello 3” comprende invece i paesi nei quali siano stati individuati, sempre negli ultimi 28 giorni, tra 100 e 500 casi di Covid ogni 100mila residenti.
La situazione, ovviamente, è in costante evoluzione. Intanto il primo ministro delle Bahamas ha introdotto dal 21 agosto un coprifuoco in vigore in molte località dalle 20 alle 5 di mattina. La situazione è peggiorata anche in Albania, Bosnia, Brunei e Liechtenstein, che hanno fatto uno scatto di due categorie, passando da “Livello 1” di rischio a “Livello 3”. Stesso grado di pericolo anche in Bulgaria, Serbia, Groenlandia, Guernsey e Paraguay, che è però sceso dal quarto al terzo livello di rischio.

 

 


Per gli spostamenti in destinazioni di livello 3, i Cdc consigliano a chi non sia vaccinato di non partire, se non in caso di necessità. In generale, c’è la raccomandazione di evitare tutti i viaggi internazionali per chi non abbia concluso il ciclo di immunizzazione. «Le persone completamente vaccinate hanno meno probabilità di contrarre e diffondere Covid-19 - si legge nella pagina di raccomandazioni dei Cdc - Tuttavia, i viaggi internazionali comportano rischi e anche i viaggiatori completamente vaccinati, che potrebbero contrarre e diffondere alcune varianti».

 

Nella pagina dei «Consigli di viaggio» è possibile consultare una mappa interattiva e scoprire le restrizioni e il livello di rischio di ogni paese del mondo. «La situazione del Covid 19, compresa la diffusione di varianti nuove o preoccupanti, cambia da paese a paese», sottolinea l’agenzia, invitando tutti i viaggiatori a «prestare molta attenzione prima della partenza». Le raccomandazioni sono differenti a seconda del livello di immunizzazione. Le persone completamente vaccinate - devono essere trascorse almeno due settimane dalla seconda dose di Pfizer o Moderna, o dalla somministrazione del monodose Johnson & Johnson - sono invitate a «seguire tutte le norme di comportamento imposte della compagnia aerea e della destinazione relativi al viaggio, all’uso della mascherina, ai test, alla quarantena». È obbligatorio indossare il dispositivo di protezione su naso e bocca a bordo di aerei, autobus, treni e altri mezzi di trasporto pubblico che viaggiano all’interno, o verso gli Stati Uniti, e anche all'interno di aeroporti e stazioni. Tutti i passeggeri aerei in arrivo negli Usa, inoltre, devono presentare un test negativo effettuato non più di 3 giorni prima del viaggio.

Ultimo aggiornamento: 16:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA