Covid, il caso dell'uomo rimasto positivo per 505 giorni prima di morire: il virus mutato dieci volte

Venerdì 22 Aprile 2022
Covid, «eterni positivi». Dal Regno Unito il primato: paziente positivo per 505 giorni prima di morire

L'allarme long Covid arriva dal Regno Unito. La prima persona al mondo ad aver avuto il Coronavirus per più di un anno è stata identificata in Inghilterra. I medici nel Regno Unito hanno chiesto nuove cure urgenti per eliminare le infezioni persistenti da Covid dopo aver identificato la prima persona al mondo nota per aver avuto il virus per più di un anno.

Il paziente, che aveva un sistema immunitario indebolito, ha contratto il virus nel 2020 ed è risultato positivo al Covid per 505 giorni prima di morire. In precedenza, il caso di Covid confermato dalla PCR più lungo conosciuto era una donna sopravvissuta al cancro negli Stati Uniti che è risultata positiva per 335 giorni.

I ricercatori del King's College London e della fondazione NHS di Guy e St Thomas hanno seguito nove pazienti con Covid persistente per vedere come si è evoluto il virus nel corso della loro infezione. Tutti i pazienti avevano un sistema immunitario indebolito a causa di trapianti di organi, HIV, cancro o terapie per altre malattie.
Le infezioni, in genere, persistevano per 10 settimane circa, ma due pazienti hanno avuto il virus per più di un anno. Oltre al paziente che è stato infettato per 505 giorni, un secondo è risultato positivo, finora, per 412 giorni e potrebbe superare il record di 505 giorni alla prossima visita programmata. La scorsa estate, invece, i medici di Bristol hanno rivelato che un paziente di 72 anni, Dave Smith, era risultato positivo per quasi 10 mesi.

Video

I pazienti con un sistema immunitario indebolito sono particolarmente vulnerabili alle infezioni da Covid di lunga durata. Nell'ultimo studio, quattro dei nove pazienti sono morti, con il Covid che ha contribuito a circa un terzo di quei decessi. Le infezioni persistenti possono anche essere una fonte di nuove varianti di Covid perché il virus acquisisce nuove mutazioni man mano che si evolve nel paziente.

«Questi individui sembrano avere scarse possibilità di guarigione quando l'infezione persiste in loro così a lungo - ha affermato il dottor Luke Blagdon Snell, ricercatore clinico presso Guy's -. L'obiettivo è quello di sviluppare trattamenti migliori per eliminare le infezioni a beneficio del paziente. Potrebbe anche avere il vantaggio aggiuntivo di prevenire l'emergere di varianti, ma questo non è ancora chiaro».

Le analisi genetiche hanno rivelato che in cinque dei nove pazienti, il virus ha acquisito almeno una mutazione. Il virus avuto dal paziente che è stato infettato per 505 giorni portava 10 mutazioni che sono emerse separatamente in diverse varianti principali tra cui Alpha, Gamma e Omicron.

Molti scienziati sospettano che alcune varianti preoccupanti, come Alpha, siano sorte in pazienti con infezioni persistenti, ma sono possibili anche altre fonti di nuove varianti, come gli animali che contraggono il virus e poi lo trasmettono all'uomo. Snell ha dichiarato che nessuno dei virus mutati trovati nei pazienti dello studio sembrava essersi diffuso oltre gli individui infetti.

È probabile che un paziente nello studio abbia avuto una rara infezione «occulta», il che significa che è risultato negativo alla PCR per Covid nonostante avesse un'infezione in corso. «Dopo essersi ammalato con la variante Alpha nel 2021, i sintomi del paziente si sono attenuati e sono risultati negativi più volte, ma in seguito hanno visto la variante Alpha riprendersi e causare ulteriori sintomi, nonostante la variante non fosse più presente nel Regno Unito. Il paziente non aveva viaggiato fuori dal Paese. Il virus potrebbe essere in agguato nelle profondità dei loro polmoni dove i tamponi nasali e faringei non potevano rilevarlo», ha detto Snell.

La dottoressa Gaia Nebbia, coautrice dello studio, ha affermato che nuove strategie di trattamento «sono urgentemente necessarie» per aiutare i pazienti a eliminare le infezioni persistenti. «Questo potrebbe anche prevenire l'emergere di varianti», ha detto convinta. Il lavoro sarà presentato venerdì al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive a Lisbona, Paul Hunter, professore di medicina presso l'Università dell'East Anglia, che non è stato coinvolto nello studio, ha affermato che potrebbero esserci alcune persone che non cancellano mai le loro infezioni da Covid.

Ultimo aggiornamento: 12:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento