Covid, nel Regno Unito casi raddoppiati ogni 11 giorni: «Allarme tra i giovani»

Giovedì 17 Giugno 2021
Covid e variante Delta, nel Regno Unito casi raddoppiati ogni 11 giorni: «Focolaio tra i giovani»

I casi di coronavirus stanno «aumentando in modo esponenziale» in Inghilterra. È quanto emerge da uno studio, commissionato dal governo, che ha scoperto anche che i casi in aumento riguardano soprattutto i giovani. Tra il 3 maggio e il 7 giugno le infezioni sono raddoppiate, il che coincide con l'aumento della variante Delta che è stata rilevata per la prima volta in India ed è ora dominante nel Regno Unito. Gli esperti dell'Imperial College di Londra hanno affermato che i loro risultati mostrano un «passaggio rapido» tra la variante Alpha (Kent), apparsa per la prima volta nel Regno Unito nel settembre 2020, e la variante Delta, con quest'ultima che rappresenta fino a 90% di tutti i casi di coronavirus.

Stephen Riley, professore di dinamica delle malattie infettive presso l'Imperial e uno degli autori dello studio, ha dichiarato: «La prevalenza dei positivi sta aumentando esponenzialmente ed è guidata dalle fasce più giovani. Chiaramente questa è una brutta notizia... ma la cosa fondamentale da sottolineare è che siamo in una fase molto diversa dell'epidemia nel Regno Unito, ed è molto difficile prevederne la durata. Lo scorso autunno e la scorsa primavera – quando abbiamo iniziato a osservare una crescita esponenziale – per certi versi è stato molto più allarmante perché sapevamo che c'era pochissima immunità nella popolazione. Ma ora, grazie alla campagna di vaccinazione sappiamo che c'è molta immunità nella popolazione». Gli scienziati hanno affermato che i risultati dello studio React suggeriscono che l'imminente espansione del programma vaccinale per le persone di età pari o superiore a 18 anni «dovrebbe aiutare in modo sostanziale a ridurre la crescita complessiva dell'epidemia».

 

 

L'autore dello studio Paul Elliott, direttore del programma React e presidente di epidemiologia e medicina della salute pubblica presso l'Imperial, ha dichiarato: «Penso che possiamo trarre molto conforto dal fatto che le persone più anziane, e quindi più a rischio, sono protette. Il governo ha chiaramente annunciato di voler vaccinare tutti gli adulti nel periodo compreso tra oggi e il 19 luglio, penso ciò  farà una grande differenza e aumenterà la quantità totale di immunità della popolazione». La ricerca, che è stata pubblicata come prestampa su un server online, mostra che la maggior parte delle infezioni è causata da bambini di età compresa tra i cinque e i 12 anni, nonché da giovani adulti di età compresa tra i 18 e i 24 anni.

 

 

Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 10:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA