Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Guerra, la Fao: «Imminente crisi alimentare, peggio della Primavera araba. In 750mila a rischio morte»

Lunedì 6 Giugno 2022
Crisi cibo, la Fao: «Imminente crisi, peggio della Primavera araba. In 750mila a rischio morte»

I danni della guerra si riflettono a livello mondiale. E rischiano di minacciare la stabilità a livello alimentare in decine di Paesi in un contesto nel quale la fame è ancora un enorme problematica. L'ultimo allarme arriva direttamente dalla Fao: «È imminente una crisi alimentare diffusa poiché la fame minaccia la stabilità in dozzine di Paesi e le condizioni ora sono molto peggiori rispetto alla primavera araba del 2011 e alla crisi dei prezzi alimentari del 2007-2008, quando 48 paesi sono stati scossi da disordini politici, rivolte e proteste». A lanciare l'avvertimento sono Fao e Wfp (Programma alimentare delle Nazioni Unite) nel nuovo rapporto secondo il quale Etiopia, Nigeria, Sud Sudan e Yemen rimangono nella «massima allerta» come hotspot con condizioni catastrofiche e Afghanistan e Somalia sono nuovi ingressi, con 750mila persone che rischiano la fame e la morte.

L'allarme

«Conflitti, condizioni meteorologiche estreme, shock economici, impatti persistenti del Covid-19 e gli effetti a catena della guerra in Ucraina - si legge nel Report "Hunger Hotspots Fao-Wfp early warnings on acute food insecurity" - spingono milioni di persone nei Paesi di tutto il mondo alla povertà e alla fame, mentre i picchi dei prezzi di cibo e carburante avvicinano le nazioni all'instabilità». Shock, si rileva, che hanno colpito contesti già caratterizzati da emarginazione rurale e fragili sistemi agroalimentari. Da qui la richiesta contenuta nel Rapporto di un'azione umanitaria urgente in 20 "punti caldi" dell'emergenza cibo dove si prevede un peggioramento della fame acuta da giugno a settembre 2022. «Siamo profondamente preoccupati per l'impatto combinato di crisi sovrapposte che mettono a repentaglio la capacità delle persone di produrre e accedere agli alimenti, spingendo altri milioni di persone a livelli estremi di insicurezza alimentare acuta», ha affermato il Direttore Generale della FAO Qu Dongyu.

«Siamo in una corsa contro il tempo per aiutare gli agricoltori nei paesi più colpiti, anche aumentando rapidamente la produzione alimentare potenziale e aumentando la loro resilienza di fronte alle sfide». La sfida è contro una «tempesta perfetta che non solo danneggerà i più poveri tra i poveri, ma travolgerà anche milioni di famiglie che fino ad ora hanno quasi tenuto la testa fuori dall'acqua», ha avvertito il Direttore Esecutivo del WFP David Beasley. Siamo entrati, sottolinea il rapporto, in una «nuova normalità» in cui siccità, inondazioni, uragani e cicloni decimano ripetutamente l'agricoltura e l'allevamento. Una siccità senza precedenti in Africa orientale che colpisce Somalia, Etiopia e Kenya «sta portando a una quarta stagione consecutiva di precipitazioni al di sotto della media, mentre il Sud Sudan dovrà affrontare il suo quarto anno consecutivo di inondazioni su larga scala», e piogge superiori alla media nel Sahel; stagione degli uragani più intensa nei Caraibi e piogge al di sotto della media in Afghanistan.

 

Ultimo aggiornamento: 7 Giugno, 12:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA