Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin, onorificenza di «Eroe della Russia» al ceceno Delimkhanov: premiato per aver «ripulito» Mariupol

Martedì 26 Aprile 2022
Putin, onorificenza di «Eroe della Russia» al ceceno Delimkhanov: premiato per aver «ripulito» Mariupol

Il presidente russo Vladimir Putin ha insignito il ceceno Adam Delimkhanov dell'onorificenza di «Eroe della Russia» per il «coraggio e l'eroismo» dimostrato in Ucraina. Delimkhanov ha comandato le unità cecene impegnate nell'assedio di Mariupol «ripulendo la città da elementi criminali isolato dopo isolato», come scritto dal presidente ceceno Ramzan Kadyrov su Instagram lo scorso marzo. Nei giorni scorsi, Delimkhanov aveva pubblicato un suo video, con alle spalle palazzi in fiamme, in cui diceva che «l'operazione spciale per distruggere e ripulire Mariupol è stata completata».

Abramovich (7,6 miliardi), Mordasov e gli altri: quanto hanno perso per la guerra i miliardari russi? I conti di Forbes

 

Putin premia il ceceno Delimkhanov dopo l'assedio di Mariupol

Lo riferisce Nexta, il media bielorusso di opposizione che trasmette dalla Polonia, e che in un tweet commenta: «È un macellaio personale di Kadyrov (anche lui un "eroe" tra l'altro). È responsabile degli omicidi di giornalisti, attivisti dell'opposizione e migliaia di civili uccisi in Ucraina». Delimkhanov è comparso la settimana scorsa in alcune immagini riprese anche dalle tv italiane all'acciaieria Azovstal di Mariupol sotto assedio.

Demlikhanov, che aveva combattuto contro le forze russe durante la prima guerra cecena, era passato al fianco dei russi durante la seconda, insieme a Kadyrov, e dal 2007 era deputato alla Duma di Stato russa. Il deputato ceceno all'inizio dello scorso febbraio aveva minacciato la famiglia di un attivista e avvocato ceceno, che faceva parte del Comitato contro la tortura, Abubakar Yangulbayev: «Vi sgozzeremo, vi uccideremo» dopo che la madre, Zarema Musayeva, era stata prelevata dal suo appartamento a Nizhny Novgorod e "deportata" in Cecenia.

Ultimo aggiornamento: 27 Aprile, 10:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA