Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Diario di Anna Frank messo al bando in Texas. «Adattamento illustrato inadatto agli studenti»

Venerdì 19 Agosto 2022 di Leonardo Jattarelli
Diario di Anna Frank messo al bando in Texas. «Adattamento illustrato inadatto agli studenti»

Di recente il sistema educativo del Texas sta diventando un vero e proprio campo minato politico, con i legislatori conservatori che sono arrivati al tentativo di vietare oltre 800 libri dalle biblioteche scolastiche, principalmente perché i libri fanno sentire gli studenti “a disagio”. Questa settimana, il Keller Independent School District di Fort Worth, in Texas, ha deciso di cancellare un acclamato adattamento illustrato de “Il diario di Anna Frank”, facendo eco alla recente decisione di un consiglio scolastico del Tennessee di bandire “Maus”, la graphic novel vincitrice del Premio Pulitzer sull’Olocausto.

Giornata della Memoria, cinque libri sulla Shoah: dal "Diario di Anna Frank" a "Maus"

Maus, edito da Einaudi in Italia, è la storia di una famiglia ebraica tra gli anni del dopoguerra e il presente, fra la Germania nazista e gli Stati Uniti. Un padre, scampato all’Olocausto, una madre che non c’è più da troppo tempo e un figlio che fa il cartoonist e cerca di trovare un ponte che lo leghi alla vicenda indicibile del padre e gli permetta di ristabilire un rapporto con il genitore anziano. Una storia familiare sullo sfondo della più immane tragedia del Novecento, raccontata nella forma del fumetto dove gli ebrei sono topi e i nazisti gatti. Per tornare all’ultimo divieto, quello de “Il diario di Anna Frank”, sembra sia stato innescato da una denuncia dei genitori, che il consiglio scolastico di destra ha deciso di onorare. 

La lista nera

«Chi ha paura della teoria critica della razza?» ha chiesto l’avvocato, studioso di diritto e professore di Harvard, Derrick Bell in un saggio del 1995. Bell ha contribuito a fare da pioniere nella disciplina negli anni ‘70 e fino a poco tempo è rimasta per lo più confinata a riviste accademiche, seminari di scuole di specializzazione e pagine di riviste progressiste. Ora la domanda rimbalza ovunque. Ma cosa è successo? - si legge sul sito online di Open Culture -. Gli studiosi radicali hanno costretto gli studenti di terza elementare a leggere le note a piè di pagina? Oppure i conservatori si sono presentati con cinquant’anni di ritardo a una conversazione, hanno saltato la lettura e hanno deciso che il modo migliore per rispondere era scagliarsi indiscriminatamente su ogni questione di identità e diritti civili che li metteva a disagio, a cominciare dall’asilo e facendosi strada? Forse la domanda di Bell ha risposto da sola.

La domanda è diventata una vera e propria denuncia, uno shibboleth che può applicarsi a qualsiasi lezione di storia, educazione civica o letteratura in senso lato, insegnata attraverso eventi attuali, narrativa, poesia, memoriale, saggistica o qualsiasi altro materiale che potrebbe far sentire uno studente «a disagio, senso di colpa, angoscia o qualsiasi altra forma di disagio psicologico a causa della razza o del sesso dell’individuo». 
I legislatori di destra in Texas, i membri del consiglio scolastico e i gruppi di genitori, hanno quindi trovato un comodo "uomo nero" su cui proiettare le loro ansie. Ciò che il disegno di legge del Texas significa in pratica è stato impossibile da analizzare. L’avvocato dell’American Civil Liberties Union, Emerson Sykes ha intentato una causa federale per una legge simile in Oklahoma, sostenendo che è «così vago», come riporta Michael Powell al New York Times, «che non fornisce una guida legale ragionevole agli insegnanti e potrebbe mettere a rischio posti di lavoro». Un preside nero vicino a Dallas è già stato costretto a dimettersi per aver scritto una lettera pubblica dopo la morte di George Floyd che dichiarava: «L’istruzione è la chiave per sconfiggere l’ignoranza, l’odio e il razzismo sistemico».

Docenti e amministratori non sono gli unici presi di mira dal disegno di legge e dai suoi sostenitori. «Parlano di teoria critica della razza» dice la bibliotecaria di una scuola media, Carrie Damon. «Improvvisamente sento che i bibliotecari stanno indottrinando gli studenti. Una biblioteca nella contea di Llano, a circa 80 miglia a nord-ovest di Austin, è stata chiusa per tre giorni per una “revisione approfondita” di ogni libro per bambini. A livello statale, il rappresentante dello stato repubblicano del Texas, Matt Krause ha lanciato una caccia alle streghe prima di candidarsi al procuratore generale dello Stato, inviando un elenco di 850 libri tramite e-mail ai sovrintendenti statali, chiedendo se qualcuno di questi comparisse nelle loro biblioteche.
L’elenco, scrive Danika Ellis a Book Riot , è «un bizzarro assortimento di titoli, formattato in un modo che suggerisce che sia stato copiato e incollato dagli elenchi delle biblioteche». Include libri sui diritti umani, l’educazione sessuale, qualsiasi argomento LGBTQ, razza, storia americana e polizia. Ironia della sorte, include anche libri su libri bruciati e bullismo (un problema che causa l’abbandono degli studenti in tutto il paese ). I libri vanno da quelli per bambini piccoli a studenti delle scuole medie e superiori e giovani adulti in età universitaria. La maggior parte di questi «sono stati scritti da donne, persone di colore e scrittori LGBTQ». 

Ultimo aggiornamento: 16:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA