CORONAVIRUS

Barista rifiuta di servire donna senza mascherina: riceve 100mila dollari di «premio» ma lei ora ne vuole la metà

Sabato 18 Luglio 2020 di Marta Ferraro
Donna chiede la metà dei 100.000 di mance che il barista ha ricevuto dopo essersi rifiutato di servirla perché non indossava la mascherina

Amber Lynn Gilles, la donna che ha raccontato sui social che un giovane barista si era negato di servirla perché non indossava la mascherina all'interno di uno Starbucks, pretende la metà degli oltre 100.000 dollari che il lavoratore ha ricevuto per il suo virtuoso comportamento, secondo quanto informa la catena ABC.

Il 22 giugno, il barista Lenin Gutierrez, è stato additato tramite un post della donna pubblicato su Facebook per essersi rifiutato di servirla perché non indossava la maschera, come indicato dalle norme sanitarie dello stabilimento in cui lavora. 
A seguito di questo episodio, è stata avviata una raccolta fondi sulla piattaforma GoFoundMe chiamata «Tips for Lenin», alla quale hanno partecipato oltre 7.900 persone che hanno raccolto la somma di 105.445 dollari, fino a oggi.

Da parte sua, Gilles afferma di aver contattato un gruppo di avvocati per cercare di ottenere la metà del denaro raccolto, sostenendo di aver subito una discriminazioni, poiché se non indossava la mascherina era perché le sue condizioni di salute glielo impedivano.
«È stata una discriminazione e tutti permettono e premiano quel comportamento», ha riferito Gilles ai media americani. «Merito delle scuse», ha aggiunto la donna.
Poiché le spese degli avvocati consultati da Guilles sono elevate, la donna ha iniziato una raccolta fondi attraverso la stessa piattaforma virtuale per coprire le spese legali della causa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA