Finge di avere un cancro e raccoglie 71.000 dollari per le cure: condannata a 2 anni di carcere

Donna che ha finto di avere un cancro alle ovaie e ha truffato per circa 71.000 dollari è stata condannata a 2 anni di carcere
Donna che ha finto di avere un cancro alle ovaie e ha truffato per circa 71.000 dollari è stata condannata a 2 anni di carcere
di Marta Ferraro
Giovedì 11 Febbraio 2021, 19:03
3 Minuti di Lettura

Copy Code

Una donna britannica, Nicole Elkabbas, 42 anni, è stata condannata a 2 anni e 9 mesi di carcere dopo essere stata giudicata colpevole di aver finto di avere un cancro alle ovaie allo scopo di frodare alcuni generosi sostenitori tra febbraio e agosto 2018 per la considerevole somma di circa 71.000 dollari, quasi 60.000 euro, secondo quanto riporta il Daily Mail.

Nicole Elkabbas aveva aperto una campagna su GoFundMe per raccogliere fondi, poiché sosteneva di doversi pagare le cure per combattere un male incurabile. «Nicole ha bisogno del nostro aiuto per le cure», era l'invito pubblicato sulla pagina, nel quale era definita una «bellissima figlia» e una «madre amorevole per il suo amato figlio di 11 anni». Inoltre, l'annuncio raccontava che era stata sottoposta a tre operazioni e a sei cicli di chemioterapia che l'avevano portata a un disperato bisogno di risorse per pagare un farmaco innovativo, definito come «l'unico modo per sopravvivere».

La donna, invece, ha utilizzato l'ingente somma di denaro per finanziare la sua dipendenza dal gioco d'azzardo, per estinguere i debiti e per sovvenzionare il suo costoso stile di vita. 

Durante l'udienza il giudice Mark Weekes ha sottolineato che Elkabba si è mostrata «astuta e manipolatrice, impegnandosi in un lungo e sofisticato inganno verso il prossimo» e ha aggiunto che la donna «Per tutto il tempo - della campagna della raccolta fondi -  ha giocato d'azzardo, godendosi i viaggi, dandosi allo shopping e al lusso tra l'Italia e la Spagna». «Casi come questo creano sfiducia tra i cittadini», arrecando un danno a tutta la comunità, ha chiosato il giudice.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA