Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, le donne (civili) a caccia di mine con tute antiproiettile e visiere: «Restituiamo i terreni ai contadini»

Sabato 11 Giugno 2022 di Francesca Pierantozzi
Le donne (civili) a caccia di mine con tute antiproiettile e visiere. «Restituiamo i terreni ai contadini»

La guerra non è finita, ma loro pensano già al dopo, alla ricostruzione, agli agricoltori che devono tornare nei campi, ai bambini e ai ragazzi che devono tornare a scuola, ai profughi che devono tornare a casa. Per farlo, i cortili, i campi e le strade delle regioni ucraine che fino a poche settimane fa erano campi di battaglia devono essere setacciate metro per metro, perché ogni passo può essere falso. Dove si sono ritirate, le forze russe hanno lasciato una guerra più lenta, che continua uccidere dopo giorni e mesi: quella delle mine e degli ordigni inesplosi.

Elena - 37 anni ma ne dimostra molti di meno - ha abbandonato per il momento la sua professione di istruttrice di fitness e lavora adesso in una delle squadre che l’Ong Danish Refugee Council ha formato per mettere in sicurezza pezzi di terra ucraina. «Sono stata addestrata - dice in un video, con i capelli biondi raccolti, il casco e la visiera, in mezzo a un terreno agricolo del sud ovest dell’Ucraina – Quello che è davvero importante è essere consapevoli di quello che stiamo facendo e seguire pedissequamente le regole e i protocolli di sicurezza che abbiamo imparato». Sono una decina le squadre che il Drc ha inviato a bonificare questa campagna assolata che costeggia la Moldavia. Sono quei campi di grano di cui si parla tanto in Europa. Sarebbe quasi il tempo del raccolto, ma nessuno ha potuto accompagnare le coltivazioni dopo la semina, nessuno è potuto ancora tornare a raccogliere. Quelli che ci lavorano per ora indossano tutti delle tute blu antiproiettile, caschi e visiere. Avanzano a passo lentissimo, tenendo in mano una sorta di tubo rigido che li circonda: è un metal detector.

Per localizzare mine e ordigni resta lo strumento più efficace e affidabile: ricorda un attrezzo da giardino. Un fischio acuto indica il possibile pericolo, se accade ci si ferma e si tasta il terreno con un prodder, un’asta appuntita. Accanto a Elena, ci sono diverse altre ragazze, alcune giovanissime. Nessuna mostra panico o paura quando suona l’allarme di uno dei metal detector. Hanno movimenti lentissimi. «Ci alleniamo regolarmente, per questo riusciamo a restare freddi, ci ripetiamo le regole da seguire» dice Elena. Come Maxim, il suo caposquadra (anche lui ha lasciato per un po’ il suo lavoro e ha scelto di seguire il corso di formazione di Dcr) Elena sa che gli agricoltori sono pronti a tornare anche a rischio delle loro vite. È accaduto in tanti altri paesi colpiti dalle guerre. In Croazia, dopo anni dalla fine della guerra, gli agricoltori hanno imparato a deminare da soli le loro terre. Tanti sono rimasti gravemente feriti, molti sono morti. «Sappiamo che la nostra missione è molto importante - dice Maxim - Gli agricoltori devono poter tornare alle loro terre in sicurezza. Se non li aiuteremo, cominceranno a farlo comunque». La missione è individuare e disinnescare gli ordigni, ma anche istruire i contadini e i civili. Danish Refugee Council conosce quasi ogni pezzo di Ucraina. Le sue squadre ci lavorano dal ’98. Ci sono tornate nel 2015, dopo la guerra scatenata dall’annessione russa della Crimea. E poi adesso. È la prima organizzazione ad aver firmato un accordo formale con il governo ucraino per fornire un lavoro completo, di sminamento, ma anche di formazione e di informazione dei civili. «Questo nuovo accordo – ha fatto sapere pochi giorni fa Brio Le Merle, direttore di Drc in Ucraina – consentirà di accelerare in modo decisivo la bonifica delle terre e l’eliminazione degli esplosivi». 

I cartelli con la scritta nera: “Mine”, sono vecchi, sono stati usati già tante volte in Ucraina, sono tornati di nuovo nelle campagne, ma anche in alcuni quartieri delle città bombardate e ancora semideserte. «Sappiamo come fare – continua Le Merle – E sappiamo che la cosa più importante adesso, nelle zone in cui non si combatte più e in cui non cadono più bombe, è consentire alla gente di tornare nelle loro case, agli agricoltori di tornare nei loro campi. Nello stesso tempo dobbiamo informarli dei rischi che esistono, non solo nei terreni, ma anche per le strade, le piazze e i cortili che a loro sembrano più familiari». 

Ultimo aggiornamento: 13:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA