Le mani della ndrangheta sulla coca
del Sudamerica, potere forte in Europa

Giovedì 15 Aprile 2021 di Gigi Di Fiore
Le mani della ndrangheta sulla coca del Sudamerica, potere forte in Europa

Un «maxi-processo» titolavano i quotidiani tedeschi a ottobre. Una cosa mai vista, in Germania. Al tribunale di Dusseldorf, di 14 imputati, cinque erano considerati affiliati della ndrangheta calabrese. I riflettori erano puntati su un traffico di 680 chili di cocaina e sull’organizzazione mafiosa che, per la prima volta in Germania, rendeva necessaria un’aula bunker per le udienze. Era lo sbocco della clamorosa «operazione Pollino», che nel...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 09:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA