Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Per la prima volta in Egitto un copto nominato presidente della Suprema Corte Costituzionale

Giovedì 10 Febbraio 2022 di Rossella Fabiani
Per la prima volta in Egitto un copto nominato presidente della Suprema Corte Costituzionale

Per la prima volta in Egitto un copto è diventato presidente della Suprema Corte Costituzionale, il massimo organo giurisdizionale del Paese. Boulos Fahmy, 65 anni, è stato nominato dal presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi al posto di Said Marei Amr, musulmano come tutti gli altri precedenti 17 magistrati che hanno presieduto la Corte. Boulos Fahmy, 65 anni, è nato il primo gennaio del 1957 e ha una lunga carriera nella magistratura egiziana. Nominato alla Procura della Repubblica nel 1978, ha salito tutti i gradini dell’ordinamento giudiziario fino a diventare giudice di Corte d'appello nel 1997 e poi capo della Corte d’Appello nel 2001.

Fahmy era già giudice della Corte Costituzionale

Il giudice copto esercitava già il ruolo di vice presidente della Corte costituzionale dal 2014 ed è autore di numerosi libri e ricerche di carattere giuridico. La Suprema Corte Costituzionale d’Egitto è un organo giudiziario indipendente istituito nel 1979 in sostituzione della Corte suprema che era stata creata dieci anni prima dal presidente Nasser. La principale funzione svolta dalla Corte è quella di verificare e confermare la costituzionalità di leggi e regolamenti emanati dal Parlamento e dalle autorità egiziane che ne sono competenti. La Corte Costituzionale è anche l’istanza suprema a cui ricorrere in caso di conflitti di giurisdizione ed è chiamata a sciogliere le eventuali contraddizioni tra sentenze emesse dall’autorità giudiziaria.

I cristiani-copti in Egitto sono il 20% della popolazione

L’articolo 2 della attuale Costituzione egiziana, che è entrata in vigore nel 2014, riconosce i “principi della Sharia islamica” come “principale fonte della legislazione” e tutti i giornali egiziani presentano oggi la scelta di Fahmy a capo della Corte Costituzionale come un ennesimo segno della volontà del presidente al Sisi di garantire ai cristiani - che rappresentano circa il 20 per cento della popolazione - la possibilità di accedere anche ai massimi vertici delle istituzioni del Paese.

 

Global Risks Report 2022, è la salute del pianeta a preoccupare di piùZaki "torna" a Bologna per la presentazione di un libro sul suo caso: «Grazie, avete fatto tanto per me»

Zaki, udienza rinviata al 6 aprile: «Mi hanno messo mezz'ora nella gabbia degli imputati»

Ultimo aggiornamento: 14:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA