Entra in coma per le complicazioni del Covid: quando si sveglia ha un bambino di un mese

Martedì 2 Marzo 2021 di Marta Ferraro
Entra in coma a causa delle complicazioni del covid-19 e quando si sveglia ha un bambino di quasi un mese

Una donna statunitense ha partorito mentre era in coma a causa delle complicazioni dovute al covid-19 ed è stata in grado di rendersene conto solo quando il suo bambino aveva quasi un mese.

«Aprendo gli occhi in una stanza sconosciuta, ho cercato di orientarmi. Mi sentivo intontita e confusa. Avevo un tubo attaccato alla gola. Poi ho visto la foto di un neonato sul muro. Le mie mani hanno toccato la mia pancia e all'istante ho capito che la foto era quella di mio figlio», ha raccontato a The Sun Emily Brown, 30 anni.

Brown, una donna residente a Tennessee, ha raccontato che la sua famiglia all'inizio non ha preso sul serio la pandemia e non ha indossato mascherine né rispettato le distanze sociali nei luoghi pubblici. «Non sembrava reale e pensavo che tutto sarebbe passato rapidamente», ha ricordato. Nel suo settimo mese di gravidanza, Emily e suo marito Josh hanno saputo che stavano per avere un bambino e hanno invitato alcuni amici in un ristorante per festeggiare il lieto evento. In quell'occasione la donna si è resa conto di aver perso sia il gusto che l'olfatto.

Preoccupata per la salute del nascituro, che la coppia ha deciso di chiamare Tucker, la donna ha pensato di sottoporsi a un test per capire se avesse contratto il covid-19. Durante quella settimana, ha sviluppato i sintomi più gravi della malattia, come febbre e difficoltà respiratorie, e alla fine è stata trasferita in ospedale.

«Stavo così male che mi hanno attaccato il ventilatore e mi hanno messo in uno stato di coma indotto. I medici hanno detto alla mia famiglia che stavo rischiando la vita e che avrei potuto non farcela. Dopo poco hanno deciso di procedere con un cesareo di emergenza per partorire Tucker, anche se era prematuro di sette settimane».

«Quando mi sono svegliata nella strana stanza, ero sicura che fossero passati solo pochi giorni, ma in realtà erano passate tre settimane... Era passato così tanto tempo che il mio taglio cesareo era già guarito», ha aggiunto.

Nonostante fosse nato così prematuramente, Tucker aveva un peso normale e, dopo aver trascorso diverse settimane nell'unità di terapia intensiva neonatale, è stato dimesso. 

«Voglio che tutti sappiano quanto sia importante prendere sul serio questo virus. È un miracolo che io e Tucker siamo qui e in buona salute», ha concluso la donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA