Ereditiera di 8 anni rinuncia al maxi patrimonio da 50 milioni e diventa una «suora bambina»

La famiglia professa il gianaismo: una piccola ma antica religione indiana

Ereditiera di 8 anni rinuncia al maxi patrimonio da 50 milioni e diventa una «suora bambina»
Ereditiera di 8 anni rinuncia al maxi patrimonio da 50 milioni e diventa una «suora bambina»
Giovedì 19 Gennaio 2023, 11:18 - Ultimo agg. 13:36
4 Minuti di Lettura

In India, una bambina di otto anni avrebbe ereditato una fortuna in diamanti (si parla di 50 milioni di sterline) ma ha deciso di diventare una suora: ora è in un ordine religioso, dopo aver rinunciato ai piaceri mondani. Devanshi Sanghvi era, fino a questa settimana, un'erede dell'attività di gioielleria Sanghvi and Sons nella città occidentale di Surat, conosciuta localmente come «Diamond City» per la sua importanza nel commercio globale di gemme. La sua famiglia è fedele al gianaismo, una piccola ma antica religione indiana che predica la non violenza, il rigoroso vegetarianismo e l'amore per tutte le creature grandi e piccole.

Il cambio di vita

Questa settimana, la bambina di otto anni è stata festeggiata in una cerimonia di quattro giorni per annunciare la sua nuova vocazione, che a un certo punto l'ha vista salire su una carrozza trainata da un elefante, secondo le immagini condivise sui media locali.

Mercoledì è arrivata in un tempio per scambiare i suoi abiti elaborati con un semplice vestito di cotone bianco, dopo essersi fatta tagliare tutti i capelli. Sanghvi era conosciuta tra i membri della comunità giainista di Surat per la sua devozione fin da bambina, secondo un testimone della cerimonia di mercoledì, che ha parlato con Afp in condizione di anonimato.

«Devanshi non ha mai guardato la televisione, i film o è andato in centri commerciali e ristoranti», hanno detto, aggiungendo che la ragazza era stata una presenza regolare alle cerimonie del tempio.

Il «battesimo»

La bambina è una delle persone più giovani ad aver preso la cerimonia «diksha» per abbandonare i propri beni materiali ed entrare nel monachesimo Jain.

 

I genitori di Sanghvi hanno detto che era ansiosa di diventare una suora, secondo i media locali. A volte si dice che le famiglie giainiste incoraggino i loro figli a entrare nel monachesimo per migliorare la posizione sociale dei loro parenti. L'azienda di famiglia, fondata nel 1981, ha un patrimonio netto di cinque miliardi di rupie (61 milioni di dollari) secondo l'Icra, un'agenzia di rating del credito indiana. Il giainismo ha più di quattro milioni di seguaci in India. Molti, come la famiglia di Sanghvi, provengono da ricche comunità commerciali.

Le critiche

I seguaci aderiscono a una rigorosa dieta vegetariana e alcuni monaci e monache si coprono la bocca con del tessuto per impedire loro di ingoiare accidentalmente insetti. La religione è stata criticata per alcune delle sue pratiche rituali, in particolare per una tradizione di digiuni estremi fino alla morte.

Una ragazza di 13 anni a Hyderabad è entrata in coma ed è morta nel 2016 mentre intraprendeva un digiuno di due mesi come atto di penitenza, durante il quale le era permesso di bere solo acqua calda due volte al giorno.

I suoi genitori sono stati accusati dalla polizia di omicidio colposo e sono stati oggetto di indignazione pubblica per le affermazioni che la famiglia l'aveva costretta a digiunare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA