Mosca, arrestato Yuri Shumsky, produttore di esplosivi russi. «Transazioni sospette verso paesi Nato»

Mosca, export vero paesi Nato, arrestato per frode direttore fabbrica esplosivi Yuri Shumsky: rischia 10 anni di carcere
Mosca, export vero paesi Nato, arrestato per frode direttore fabbrica esplosivi Yuri Shumsky: rischia 10 anni di carcere
Martedì 20 Settembre 2022, 12:38 - Ultimo agg. 14:48
2 Minuti di Lettura

La polizia russa ha arrestato il direttore di un'azienda produttrice di esplosivi con l'accusa di frode per alcune transazioni sospette con paesi membri della Nato. La notizia è stata diffusa in esclusiva dal quotidiano di Mosca, Kommersant. L'uomo arrestato è Yuri Shumsky, direttore generale della Sverdlov Plant, azienda statale produttrice di esplosivi e detonatori per l'industria petrolifera, tra le più grandi del Paese.

Ucraina, aumenta il rischio di incidente nucleare? L'attacco alla centrale e i momenti di tensione tra Biden e Putin: cosa sappiamo

Arrestato per frode: le accuse contro Yuri Shumsky

A far scattare l'arresto sarebbero stati stati alcuni contratti economici sospetti, stipulati con Paesi Nato e avvenuti attraverso intermediari in Svizzera e Austria. Shumsky era stato nominato direttore dell'azienda poco prima l'inizio della guerra in Ucraina, il 24 febbraio scorso. Adesso rischia fino a 10 anni di reclusione. 

Dopo l'arresto, il deputato della Duma Dmitry Kuznetsov, che aveva sollecitato l'indagine al Comitato investigativo russo, ha parlato di «auto-purificazione» dell'industria, ma alcuni osservatori non escludono che ci possa essere una motivazione politica dietro l'arresto. Kuznetsov aveva chiesto indagini sull'esportazione di esplosivi in Bulgaria, Gran Bretagna, Serbia e Cipro, che, secondo le sue denunce, avrebbero potuto essere utilizzati per scopi militari nei «Paesi della Nato ostili».

Ucraina, spari su convoglio umanitario con l'inviato del Papa a Zaporizhia. Il cardinale Corrado Kraiewski: «Non sapevo dove fuggire»

© RIPRODUZIONE RISERVATA