Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Katalin Novak la prima presidentessa dell'Ungheria, a lei si deve il maxi piano di Orban per la classe media

Venerdì 11 Marzo 2022 di Franca Giansoldati
Katalin Novak la prima presidentessa dell'Ungheria, a lei si deve il maxi piano di Orban per la classe media

Ha 44 anni, due lauree e tre figli la prima donna presidente della repubblica di Ungheria. Si chiama Katalin Novak, è stata ministra per la famiglia ed è considerata una fedelissima di Orban ed è stata eletta con 137 voti dal parlamento ungherese. Lo sfidante, l'economista Peter Ronai, ha avuto solo 51 voti. Le prime parole che ha pronunciato sono state: «Che mi aiuti Dio». La sua elezione di fatto va a rafforzare l'agenda nazionalista del primo ministro. Novak è la promotrice del maxi piano di sostegno economico per la classe media, inclusi i sussidi per la casa, i mutui sostenuti dallo stato e i tagli alle tasse per le famiglie numerose e per i giovani. 

In questi giorni Novak che ha condannato (con Orban) l'invasione russa in Ucraina ha annunciato che una delle prime cose che vuole fare è di andare a Varsavia, la capitale polacca, per valutare la crisi umanitaria in atto ma anche - affermano i maligni - per fare visita ad uno dei principali alleati europei di Orbán, il partito nazionalista Diritto e Giustizia (PiS). Tuttavia la neo presidente ha più volte affermato la sua equidistanza da Orban. 

«Quelli che dicono che sarei solo una marionetta in questa posizione degradano non me personalmente, ma le donne in generale. Non possono supporre che una donna possa essere un ufficiale pubblico sovrano capace di prendere decisioni autonome»ha ribadito Novak. 

La presidentessa ungherese è l'ultimo tassello di una leadership europea rosa, a cominciare da Ursula Von der Leyen, alla guida della Commissione Ue. Secondo dati del 2019, al Parlamento europeo siede il 36% di donne. Considerando i 27 Paesi Ue e il Regno Unito, solo il 14,3% dei premier è donna e tra i presidenti la quota sale appena al 21,4%. L'Europa conta un 30% di ministri donne contro il 19% su scala mondiale. Su scala globale, su circa 200 Paesi, solo 20 sono guidati da capi di Stato donne.

Ultimo aggiornamento: 10:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA