Sparatoria in Florida: un “survivalista” uccide 4 persone, tra cui un bimbo tra le braccia della madre

Domenica 5 Settembre 2021
Sparatoria in Florida: un "survivalista" uccide 4 persone, tra cui un bimbo e la madre

Si è definito un "survivalista", cioè pronto a un mondo post apocalittico, l'uomo che domenica notte ha ucciso a colpi di arma da fuoco quattro persone, tra cui un bimbo che si trovava tra le braccia della madre. Ferita anche una ragazzina di 11 anni. È successo a Lakeland, in Florida, negli Stati Uniti: l'assalitore ha ingaggiato un conflitto a fuoco con gli agenti, prima di essere ferito e arrendersi, ma in ospedale ha tentato di rubare una pistola ad un poliziotto. Poi ha confessato di fare uso di metadone.

Miami, armati di fucile sparano sulla folla al concerto: 2 morti e 25 feriti

La sparatoria

Lo sceriffo della contea di Polk, Grady Judd, ha spiegato che la sparatoria è avvenuta alle 4:30 del mattino in due case separate. Il sospettato dopo aver sparato anche verso la polizia si è arreso dopo essere stato ferito. Nessun poliziotto è rimasto ferito nella sparatoria. Dai primi racconti, sembra che un uomo si fosse avvicinato già dalle 19:30 di sabato, quando una donna ha chiamato per segnalare una chiamata sospetta in cui un uomo le ha detto: «Dio mi ha mandato qui per parlare con una delle tue figlie». Nove ore dopo, in seguito ad altre segnalazioni di spari avvertiti nella zona, sono arrivati gli agenti e le forze dell'ordine: lì - riportano i media americani - hanno visto un camion in fiamme e un rumore proveniente dal cortile. Mentre si avvicinavano, hanno visto un individuo che era «totalmente vestito di un giubbotto antiproiettile e che sembrava pronto a impegnarci in una situazione di sparatutto». Lo sceriffo ha detto che l'uomo è poi rientrato di corsa in casa e gli agenti hanno avvertito uno sparo, una donna urlare e un bambino piagnucolare. 

 

Il tenente ha cercato di entrare in casa ma questa era barricata. Poi è andato sul retro della casa ed è entrato, scambiando colpi di arma da fuoco con il sospettato prima di uscire di casa. Altri agenti sulla scena hanno aperto il fuoco per aiutare gli agenti a mettersi in salvo. Poco dopo, il sospettato è uscito di casa con le mani alzate. Gli avevano sparato una volta. 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 10:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento