Guerra del gas, impianti a rischio attacco russo: Norvegia schiera l'esercito

Guerra del gas, impianti a rischio attacco russo: Norvegia schiera l'esercito in difesa
Guerra del gas, impianti a rischio attacco russo: Norvegia schiera l'esercito in difesa
Giovedì 29 Settembre 2022, 16:09 - Ultimo agg. 16:18
4 Minuti di Lettura

Scende in campo l'esercito per il gas. Manca solo una dichiarazione ufficile, ma per il resto è guerra. A decidere di impiegare i soldati per difendere gli impianti (anche di petrolio) da possibili sabotaggi è la Norvegia. La decisione arriva dopo che diversi Paesi hanno affermato che due oleodotti russi verso in Europa sono stati attaccati.

Nord Stream, quarta falla. «Le esplosioni sono tre». Nato: sabotaggio sconsiderato, pronti a reagire

Guerra del gas, Norvegia schiera l'esercito per proteggere gli impianti 

Le perdite di gas a seguito del sospetto sabotaggio scoperto martedì sui gasdotti Nord Stream hanno sconvolto i mercati energetici e accresciuto i problemi di sicurezza. La Norvegia è ora il più grande fornitore di gas d'Europa e uno dei principali fornitori di petrolio a livello mondiale. Ha oltre 90 giacimenti di petrolio e gas offshore, la maggior parte dei quali sono collegati a una rete di gasdotti che si estende per circa 9.000 km (5.590 miglia). «I militari saranno presenti elle installazioni petrolifere e del gas norvegesi», ha detto il primo ministro Jonas Gahr Stoere in conferenza stampa.

In mare, la Marina sarebbe schierata per proteggere le installazioni offshore, mentre a terra la polizia potrebbe aumentare la presenza nelle strutture, ha affermato. La NATO e l'Unione Europea hanno sottolineato la necessità di proteggere le infrastrutture critiche e hanno avvertito di una "risposta solida e unita" in caso di ulteriori attacchi.

NordStream, la situazione a Bornholm dopo la perdita del gasdotto

Si intensificano i droni nella zona

Lunedì, l'Autorità norvegese per la sicurezza petrolifera ha sollecitato una maggiore vigilanza sui droni non identificati visti volare vicino alle piattaforme petrolifere e del gas offshore norvegesi, avvertendo che potrebbero rappresentare un rischio di incidenti o attacchi deliberati. Stoere ha detto mercoledì che gli avvistamenti di droni sono avvenuti "principalmente a settembre", hanno coinvolto droni di "varie dimensioni" e che l'attività è stata "anomala". Tuttavia, ha ribadito di non aver visto alcuna minaccia specifica contro il settore petrolifero e del gas offshore della Norvegia e di non aver chiesto assistenza militare ai suoi alleati.

Perché la Copenhagen è così importante

"Il governo norvegese deve rendersi conto che l'obiettivo strategico di gran lunga più importante in tutta Europa ora sono le importazioni di energia o gas dalla Norvegia", ha detto a Reuters Tor Ivar Stroemmen, docente senior presso la Royal Norwegian Naval Academy. "Se tali consegne dovessero essere tagliate, interrotte o ridotte di una grande quantità, ciò causerebbe una crisi energetica completa in Europa", ha affermato mercoledì Stroemmen. Equinor (EQNR.OL) , il più grande fornitore di gas d'Europa, ha dichiarato mercoledì di aver intensificato le misure di sicurezza nei suoi impianti. "Non si può mai ostacolare del tutto il sabotaggio contro 8.800 chilometri di gasdotti, è impossibile", ha affermato Stroemmen, ma l'aggiunta di un'azione concertata potrebbe rendere più difficile l'operato dei potenziali sabotatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA