Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Germania, ex guardia nazista di 101 anni condannata a cinque anni di carcere per crimini di guerra

Martedì 28 Giugno 2022 di Marta Ferraro
Ex guardia nazista di 101 anni condannato a cinque anni di carcere per crimini di guerra

Josef S., accusato di essere complice della morte di 3.518 persone, è l'uomo più anziano a essere processato per i crimini avvenuti durante la Seconda Guerra Mondiale. 

Il tribunale tedesco ha condannato un'ex guardia del campo di concentramento nazista di 101 anni a scontare una pena detentiva di cinque anni.

Josef S., ora in pensione, è stato accusato di essere coinvolto in più di 3.000 omicidi nel campo di concentramento di Sachsenhausen tra il 1942 e il 1945. Settantasette anni dopo la fine del conflitto mondiale, il centenario - identificato solo come Josef S., a causa delle leggi tedesche sulla privacy - diventa l'uomo più anziano ad essere processato per crimini di guerra commessi durante l'Olocausto.

Video

Nel 2021, l'ex guardia è stata processata per essere stata complice di un gran numero di morti, vicino a Berlino.

L'uomo è accusato di aver aiutato «l'esecuzione mediante fucilazione di prigionieri di guerra sovietici nel 1942» e «l'omicidio di prigionieri usando il gas velenoso Zyklon B», come riferisce The Guardian.

© RIPRODUZIONE RISERVATA