CORONAVIRUS

Covid, morto 30enne nel giorno del matrimonio: avevano deciso di sposarsi dopo 11 anni

Domenica 2 Maggio 2021 di Marta Ferraro
Giovane fidanzato muore a causa del Covid 19 il giorno del matrimonio

Un giovane di 30 anni è morto di Covid-19 ad Assis, un comune dello stato brasiliano di San Paolo, il giorno in cui avrebbe dovuto sposare la sua compagna. La data del matrimonio era stata fissata un anno fa e avrebbe dovuto essere il giorno più felice della vita dei due innamorati: Bruno Silva e Beatriz Miranda.

Come riporta Globo, la sposa ha raccontata che tutta la sua famiglia ha contratto il coronavirus, ma solo Bruno ha sviluppato sintomi gravissimi che lo hanno portato alla morte. Dopo aver fatto il tampone e essere risultato positivo, il giovane ha cominciato a patire i sintomi della malattia il 27 marzo e ha cercato soccorso presso l'UPA della città il 30 marzo, avvertendo dolori muscolari e difficoltà respiratorie. Il 31 il giovane è stato trasferito all'Ospedale Regionale di Assisi. Sempre secondo il racconto di Beatriz, in ospedale è stata eseguita una Tac e i medici hanno rilevato che aveva già il 50% dei polmoni compromessi. Bruno è stato ricoverato per 10 giorni, ma le condizioni hanno iniziato a peggiorare e ha dovuto essere trasferito in terapia intensiva, dove è morto il 17 aprile.

«È andato in terapia intensiva dopo 10 giorni di ricovero e una nuova Tac effettuata due giorni prima di morire ha rilevato che aveva l'85% dei polmoni erano compromessi. È stato intubato giovedì 15 alle 9 del mattino, ma anche con l'ossigeno artificiale non riusciva respirare ed è morto il 17, sabato», ha concluso la promessa sposa. 

Video

Il matrimonio era un sogno per Bruno e la sua Beatriz. La coppia ha avuto una relazione di 11 anni, iniziata durante l'adolescenza, e due figli: Nicolas, sette, e Miguel, quattro.

C'era molta attesa per il loro matrimonio. La festa era già stata definita nei dettagli. Beatriz ha sottolineato che anche l'abito da sposa tanto desiderato era in fase di ultimazione.

A causa della pandemia avevano già deciso di rinviare la festa, ma la definizione di una nuova data non era ancora avvenuta. 

«La festa era pronta, il vestito era già stato fatto, la festa pagata, il buffet deciso, era in programma da un anno. Pochi giorni prima, avevamo raggiunto un accordo e avevamo deciso di rimandarlo», ha spiegato Beatriz.

 

Ultimo aggiornamento: 21:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA