Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Grano, la Russia vuole innescare una carestia globale? La strategia: «Mine nei porti e missili sui granai»

Venerdì 24 Giugno 2022 di Alessio Esposito
Grano, la Russia vuole innescare una carestia globale? La strategia: «Mine nei porti del Mar Nero e missili sui granai»

La Russia sta cercando di innescare una carestia globale? Lo suggerisce un report d'intelligence degli Stati Uniti, secondo cui la marina russa ha ricevuto l'ordine di piazzare mine nei porti di Odessa e Ochakiv, dopo aver già minato larghi tratti del fiume Dnepr. I funzionari statunitensi hanno inoltre rilasciato immagini satellitari che mostrano attacchi missilistici contro il più grande polo cerealicolo dell'Ucraina, a Mykolaiv. La Russia ha negato di aver piazzato esplosivi nel Mar Nero, accusando a sua volta Kiev di aver minato i propri porti. 

Aereo russo si schianta a 200 km da Mosca: morti 4 dell'equipaggio. Ilyushin Il-76 usato per rifornire l'esercito

 

La strategia: «Mine nei porti del Mar Nero e missili sui granai»

Secondo i report Usa quella della Russia sarebbe una precisa strategia volta a interdire il tratto di costa ancora sotto il controllo ucraino. The Guardian riporta le dichiarazioni di un funzionario statunitense: «L'impatto delle azioni della Russia, che hanno già bloccato il commercio marittimo nell'area settentrionale del Mar Nero rendendo la zona non sicura, non può essere sottovalutato, poiché le esportazioni marittime dell'Ucraina sono vitali per la sicurezza alimentare globale». Kiev, fino allo scoppio della guerra, forniva un decimo delle esportazioni mondiali di grano, di cui circa il 95% attraverso i porti del Mar Nero.

Il report statunitense sostiene che alla marina russa è stato ordinato di minare i porti di Odessa e Ochakiv, due punti strategici per l'export cerealicolo. Inoltre, sono state rese pubbliche le immagini dell'attacco al granaio di Mykolaiv dello scorso 4 giugno, nel quale sono stati distrutti tre silos e il sistema di trasporto che carica il grano sulle navi. Sempre a Mykolaiv, sono stati colpiti serbatoi di stoccaggio per olio di girasole in un terminal del porto.

 

Grano, la Russia vuole innescare una carestia globale?

Il Cremlino ha formalmente negato di voler innescare una carestia globale, ma qualche giorno fa Margarita Simonyan, capo del canale di propaganda russo RT, ha lasciato intendere il contrario. «La carestia ora inizierà, così loro elimineranno le sanzioni e saranno nostri amici, perché si renderanno conto che è impossibile non essere nostri amici», ha detto Simonyan al Forum economico di San Pietroburgo.

Ultimo aggiornamento: 23:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA