Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Armi nucleari, Biden rompe il tabù: «Possibile utilizzo in circostanze estreme»

Venerdì 25 Marzo 2022
Guerra nucleare, Biden cambia rotta: «Possibile utilizzo dell'arma atomica in condizioni estreme»

Per la prima volta da quando Putin ha cominciato ad accerchiare l’Ucraina con le sue truppe, mesi fa, Joe Biden è stato volutamente ambiguo nella sua risposta sul ruolo che gli Usa e la Nato potrebbero avere nei confronti della Russia, se questa ricorresse alle armi chimiche. Biden sta trascorrendo due giorni in Polonia, per rendersi conto di persona della gravità della situazione, vedere i soldati americani e i profughi dell’Ucraina, e oggi incontrare il presidente Andrzej Duda. E proprio mentre si trova in Europa, dopo gli intensi colloqui con gli alleati Nato e Ue a Bruxelles, il presidente degli Usa ha incontrato i giornalisti che gli hanno chiesto come reagirebbe la Nato se la Russia rilasciasse i gas contro le popolazioni ucraine, come l’intelligence statunitense e britannica temono che possa succedere: «Risponderemmo in modo consono» ha detto secco, ma vago, Biden, che già il giorno prima aveva genericamente spiegato che «la natura della risposta dipenderebbe dalla natura dell’uso (delle armi chimiche)». 

ARMI ATOMICHE

Il consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan, si è affrettato a chiarire che il presidente non voleva dire che ci sarebbe una risposta con armi chimiche – dopotutto gli Usa hanno firmato negli anni Settanta la convenzione contro le armi batteriologiche e negli anni Novanta quella contro le armi chimiche – ma ieri il Wall Street Journal spiegava che Biden sta, seppure di malavoglia, rientrando nella “postura nucleare” classica adottata dal Pentagono sin dalla Seconda Guerra Mondiale, e cioè di minacciare una risposta nucleare in presenza non solo di un attacco di questo tipo, ma anche rispetto a un’offensiva con armi batteriologiche o chimiche. Durante la campagna elettorale Biden si era invece impegnato ad adottare la strategia militare dell’ «unico scopo», lo scopo difensivo antinucleare. Pare tuttavia che proprio gli alleati Nato, durante il viaggio in corso in Europa, abbiano fatto pressioni perché Biden assumesse toni più minacciosi contro la Russia per ottenere un effetto deterrente.

Anche negli Usa, i falchi, e non solo repubblicani, ma anche democratici, insistono perché il Presidente sia più «duro» con Putin, e la stessa opinione pubblica, con una maggioranza del 56%, è orientata su questa posizione. E dunque non può essere un caso che proprio nel cuore dell’Europa, Biden abbia scelto di abbandonare i toni netti con cui aveva ripetuto, anche nel discorso sullo stato dell’Unione, di non aver alcuna intenzione di vedere le forze Usa affrontare quelle russe e scegliere invece un tono ambiguo. Non manca chi sostiene anche che una risposta a tono potrebbe riguardare semplicemente l’adozione di ulteriori sanzioni, che finirebbero di distruggere l’economia russa. La scelta di trascorrere due giorni in Polonia, dove oggi incontrerà il presidente Andrzej Duda, parlerà con i profughi, mentre ieri si è intrattenuto con i soldati americani di stanza nel Paese, vuole essere un altro messaggio di solidarietà e rassicurazione agli alleati Nato e soprattutto nei confronti del Paese che sta facendo da contrafforte per il fronte orientale dell’Europa. 

 

LE ACCUSE

Mosca intanto alza il tiro e dopo aver smentito ogni ipotesi di minaccia nucleare e di utilizzo di bombe al fosforo in Ucraina, punta il dito contro il figlio di Biden. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha affermato, infatti, che Hunter Biden, potrebbe essere «coinvolto nella gestione di laboratori per lo sviluppo di armi biologiche in Ucraina». Circostanza sulla quale, ha assicurato «chiederemo spiegazioni e non solo noi». Per poi rispondere ai cronisti durante il briefing quotidiano: «La Cina ha già chiesto chiarimenti». Il nome di Hunter Biden, al momento, risulta inserito nella lista delle personalità americane prese di mira dalle contro-sanzioni russe. Ma Peskov se la prende anche con il capo della Casa Bianca accusandolo di voler «distogliere l’attenzione» dal programma chimico e biologico che gli Usa starebbero portando avanti in Ucraina.

Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 12:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche