Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mariupol, l’ombra delle armi chimiche. L’accusa: «Bombe al fosforo». Centro in mani russe

Martedì 12 Aprile 2022
Mariupol, l ombra delle armi chimiche. L accusa: «Bombe al fosforo». Centro in mani russe

Putin sta ammassando nuove truppe al confine, a Est dell’Ucraina. La grande offensiva sul Donbass è cominciata, ma per i russi è fondamentale vincere anche l’ultima resistenza a Mariupol, dove si combatte per il controllo del porto che ha un alto valore strategico. Ormai l’esercito di Putin controlla quasi tutta la città, a partire dal centro, ieri un fotografo russo ha potuto documentare la presenza dei militari di Mosca che distribuiscono pane, vigilano sul teatro che fu bombardato, presidiano le strade. 

Putin, arrestato il fedelissimo dello zar Vladislav Surkov: chi è e perché lo hanno accusato. Ora accanto allo zar restano solo falchi

Armi chimiche, come (e dove) Putin potrebbe decidere di utilizzarle?

L’accusa: «Bombe al fosforo»

Resta da capire se davvero siano state utilizzate armi chimiche, bombe al fosforo, come denunciato dagli ucraini, perché questo cambierebbe lo scenario. Per ora Regno Unito e Usa prendono tempo. Il segretario di Stato americano, Antony Blinken, ha detto con una formula contorta: «Siamo in possesso di informazioni credibili sulla possibilità che la Russia faccia uso di agenti chimici». Il vicesindaco di Mariupol, Serghei Orlov, ha spiegato che la denuncia del battaglione Azov era corretta: «Non possiamo fornire informazioni più dettagliate. Ma abbiamo la conferma dai militari che l’uso di bombe al fosforo è avvenuto».
 

 

 

VITTIME


E poi ci sono i bombardamenti in altre città ucraine che continuano a uccidere: «I russi hanno sparato razzi nella regione di Khmelnitsky e hanno anche costantemente bombardato la regione di Lugansk con l’artiglieria» scrive il Kyiv Indipendent. A Kharkiv i russi, secondo alcuni testimoni e le immagini di un video, hanno usato bombe a grappolo, «più di 30 civili sono rimasti feriti e 8 sono stati uccisi». Bombardamenti anche nei distretti di Balakliya, Dergachevsky e Chuguevsky, a Lugansk, a Donetsk. In sintesi: i russi stanno intensificando, come previsto, la forza d’urto a Est. Ieri le immagini della Cnn hanno mostrato una lunghissima colonna di mezzi militari russi che si stava spostando dalla regione di Rostov verso l’Est dell’Ucraina, poco a Nord di Mariupol.


E poi c’è il calvario di Mariupol, dove secondo il sindaco Vadym Boychenko sono state distrutte le case di 84mila cittadini. La città è sotto il controllo dell’esercito di Mosca o dei separatisti che sostengono l’invasione, i Marines ucraini e ciò che resta del reggimento Azov sono circondati nello stabilimento delle acciaierie, ma le munizioni stanno terminando. Secondo l’agenzia di stampa russa Tass un centinaio di militari ucraini è stato bloccato mentre tentava di lasciare la città usando dei mezzi blindati, «con raid aerei e bombardamenti d’artiglieria ne sono stati uccisi una cinquantina, costringendo altri 42 alla resa». Ancora: «La scorsa notte a Mariupol i resti delle truppe ucraine circondate sul territorio dell’acciaieria Ilyich hanno compiuto un tentativo fallito di fuggire dalla città. Questo tentativo di sfondamento è stato sventato da attacchi aerei e di artiglieria», ha dichiarato il portavoce, generale Igor Konashenkov. Ha ammesso Mykhailo Podoiak, consigliere presidenziale di Zelensky: «I soldati ucraini sono circondati e bloccati in una città in cui il 90 per cento delle case è stato distrutto».

 

A Mariupol è stata colpita da un carrarmato russo anche la sede della Caritas. Ci sono state sette vittime, tra di loro anche due dello staff. «Questa drammatica notizia ci lascia inorriditi e scioccati - ha detto il segretario generale di Caritas Internationalis, Aloysius John - Del fatto si è saputo solo nelle ultime ore, ma il tragico attacco è avvenuto probabilmente il 18 marzo». Il dramma di Mariupol si trascina da 40 giorni, Zelensky aveva parlato di «decine di migliaia di morti», ieri il vicesindaco della città ha aggiornato il bilancio e rispetto alle diecimila vittime ipotizzate nelle ore precedenti, ora si arriva a più di 20mila.


DENUNCIA

A questo punto l’attenzione si sposta su quanto denunciato l’altra sera dal reggimento Azov che aveva detto: un drone ha diffuso delle sostanze tossiche, tre persone hanno evidenziato «chiari segni di avvelenamento chimico». Ieri quelli di Azov (formazione di estrema destra inglobata nell’esercito ucraino) hanno aggiunto: coloro che sono venuti a contatto con queste sostanze hanno bruciori, vertigini, arrossamento del viso, soffocamento, tachicardia. «Le loro condizioni per fortuna sono soddisfacenti». Hanno aggiunto: «Il contatto dei civili con la sostanza è stato minimo poiché l’epicentro dell’attacco era a una certa distanza. Al momento è impossibile indagare a fondo sulla scena, a causa del fuoco nemico, poiché i russi continuano a perseguire tattiche per nascondere i propri crimini». I filorussi del Donetsk hanno smentito: «Queste accuse sono false, non sono state usate armi chimiche».

Il grave problema, quando si devono analizzare ipotesi di questo tipo, è districarsi tra le due propagande: gli ucraini, comprensibilmente, puntano a mantenere alta l’attenzione della comunità internazionale per non essere lasciati soli; i russi e i filo russi hanno una strategia comunicativa incomprensibile, perché hanno negato sempre tutto, anche l’evidenza, e questo causa una naturale diffidenza di fronte ad ogni affermazione che provenga da Mosca. Va detto però che c’è estrema prudenza anche da parte di Usa e Regno Unito sulle armi chimiche. Ieri c’è stato un nuovo allarme: da Novoyakovlivka, villaggio della regione di Zaporizhzhia, le autorità locali hanno denunciato: «Gli occupanti russi continuano a commettere crimini di guerra, hanno bombardato con bombe al fosforo». Secondo Zelensky «l’uso di armi chimiche da parte dei russi non è da escludere, gli occupanti hanno rilasciato una nuova dichiarazione che testimonia la preparazione di una nuova fase del terrore».


Il governo britannico ha spiegato: stiamo verificando se davvero i russi hanno usato le armi chimiche, perché questo potrebbe cambiare radicalmente la nostra risposta. Liz Truss, ministra degli Esteri del Regno Unito: «Qualsiasi uso di questo tipo di armi sarebbe una grave escalation e noi risponderemmo a Putin e al suo regime». Per questo è importante avere conferme.

IL GENERALE

Lord Richard Dannatt, ex capo dello Stato maggiore, ha osservato: «Si tratta di una ipotesi credibile, teniamo conto che il nuovo comandante delle operazioni militari in Ucraina, il generale Alexander Dvornikov, si è guadagnato una terribile reputazione quando comandava le truppe russe in Siria». Sessantenne, Dvornikov è considerato un «militare della vecchia scuola», responsabile di abusi contro la popolazione civile in Siria. Qualcuno lo ha definito «il macellaio». Il Pentagono però è prudente: non siamo ancora in grado di confermare se davvero siano state usate armi chimiche a Mariupol. «Se fosse vero - ha detto il portavoce John Kirby - sarebbe molto preoccupante e confermerebbe i nostri timori sul possibile uso di gas lacrimogeni mischiati ad agenti chimici in Ucraina». I russi sono determinati: l’obiettivo è prendere Mariupol, ad ogni costo, per collegare le repubbliche indipendentiste di Donetsk e Luhansk con la Crimea. Per questo anche i negoziati sono fermi, prima di qualsiasi tregua Putin vuole avere sotto il suo controllo tutta la parte Orientale e Meridionale dell’Ucraina.
 

Ultimo aggiornamento: 13 Aprile, 09:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA