Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Guerra Ucraina Russia, cosa succede ora? Gli obiettivi di Putin, l'ipotesi nuove sanzioni e cosa farà la Nato

Giovedì 24 Febbraio 2022 di Gabriele Rosana
Guerra Ucraina Russia, cosa succede ora? Gli obiettivi di Putin, l'ipotesi nuove sanzioni e cosa farà la Nato

BRUXELLES - Dopo il riconoscimento delle due autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk, l’attacco su vasta scala in Ucraina. L’annuncio con cui lunedì sera il presidente russo Vladimir Putin aveva deciso di riconoscere le due entità separatiste filorusse nell’est dell’Ucraina ha preparato il terreno - anche attraverso operazioni di disinformazione - alla dichiarazione di guerra nelle prime ore di giovedì e l’aggressione in piena regola contro le forze armate del Paese. Mentre continuano le esplosioni, secondo i piani, l’invasione russa si sposterebbe oltre la linea di contatto stabilita dopo il conflitto del 2014 e raggiungerebbe il resto del Donbass non occupato e poi a sud, fino a Mariupol, ottenendo così l’accesso sul Mar d’Azov e ricongiungendosi con i territori già occupati della Crimea. 

L’obiettivo di breve-medio termine di Putin è dividere l’Ucraina, destabilizzarla, demilitarizzarla, indebolirne le istituzioni, spingersi fino a ottenere un cambio di governo a Kiev, dove insediare (com’è stato il caso più volte nel recente passato) dei reggenti filorussi. Insomma, non ci sarebbe l’annessione in vista come accaduto con l’intervento dei carri armati in Crimea otto anni fa, proprio in questi stessi giorni, ma una più ampia riespansione della sfera di influenza russa in un’area che nel 2014 - dopo le proteste di piazza di Euromaidan - aveva con decisione virato verso ovest, chiedendo l’adesione all’Unione europea e alla Nato. La propaganda del Cremlino si è spinta invece fino a negare la dignità di Stato all’Ucraina, affermando il diritto storico della Russia al suo territorio, e descritto Kiev come un “burattino” dell’Occidente. Ma c’è un target ancora più alto. «L’obiettivo di Putin è la stabilità dell’Europa e dell’intero ordine internazionale. Putin vuole portare l’orologio indietro ai tempi dell’Impero russo, ma così facendo mette a rischio il futuro della popolazione russa», ha detto in mattinata la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

 

Bruxelles ha annunciato che nelle prossime ore - quando inizierà un summit straordinario dei leader dei Ventisette - lavorerà a un nuovo pacchetto di sanzioni massicce - l’inevitabile fase 2 dopo le prime misure mirate approvate ieri contro il cerchio magico del Cremlino e i titoli del debito russo -, «bloccando l’accesso alle tecnologie e ai mercati chiavi per la Russia, indebolendo l’economia e gli asset russi in Europa e bloccando l’accesso delle banche russe ai mercati finanziari europei».

Per il momento, l’esercito ucraino si troverà da solo ad affrontare la minaccia russa che avanza nel suo territorio, ma potrà contare sulle forniture militari e umanitarie e in aiuti finanziari dell’Occidente.

Video

E la Nato? Gli Stati membri dell’Alleanza Atlantica hanno detto a più riprese che l’invio di truppe in Ucraina non sarebbe nei piani. La clausola di difesa collettiva prevista nel Trattato istitutivo viene attivata infatti solo in caso di attacco contro uno dei 30 Stati membri (e tra questi, per l’appunto, non c’è l’Ucraina). Ma siccome il Paese confina con tutto il fianco orientale dell’Alleanza, i Paesi Nato stanno rafforzando la loro presenza a est, temendo per la stessa integrità degli Stati più esposti, a cominciare da quelli del Baltico (Estonia, Lettonia e Lituania), che fino alla disgregazione dell’Unione sovietica 31 anni fa, proprio come l’Ucraina si trovavano sotto il giogo di Mosca. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA