LA GUERRA

Guerra in Ucraina, le notizie in diretta. Missile abbattuto da ucraini precipita in Moldavia. Raid su Kiev: l'80% dei residenti è senza acqua

Guerra in Ucraina, le notizie in diretta. Diverse esplosioni a Kiev, allerta aerea in tutto il Paese
Guerra in Ucraina, le notizie in diretta. Diverse esplosioni a Kiev, allerta aerea in tutto il Paese
Lunedì 31 Ottobre 2022, 07:31 - Ultimo agg. 1 Novembre, 08:05

Putin: accordo sul grano per noi è sospeso e non risolto

La Russia non ha deciso di uscire definitivamente dall'accordo sull'esportazione del grano raggiunto il 22 luglio a Istanbul, ma ha solo deciso di sospenderlo. Lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin citato dall'agenzia di stampa Ria Novosti. «La Russia ha fatto un accordo sui cereali per aiutare i Paesi più poveri, ma il 35 per cento di quei cereali va ai Paesi dell'Unione europea e solo un 3-5 per cento a chi ne ha davvero bisogno», ha aggiunto Putin.

Usa: uscita Russia accordo su grano è ricatto al mondo

La sospensione da parte della Russia dell'accordo sul grano è un «ricatto collettivo» a tutto il mondo. Lo ha detto il portavoce del dipartimento di Stato americano in un briefing con la stampa sottolineando che la decisione di Mosca «non punisce solo l'Ucraina ma è una punizione collettiva a tutti quei Paesi che hanno bisogno del grano»

Nbc: Biden irritato da una telefonata con Zelensky

Il presidente Usa Joe Biden «ha perso la pazienza» nel corso di una telefonata con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, perché il responsabile di Kiev «ha chiesto altri aiuti» dopo che l'inquilino della Casa Bianca gli aveva annunciato il via libera a un miliardo di dollari all'Ucraina. Lo riporta l'emittente Usa Nbc

Cremlino: accordo sul grano pericoloso senza la Russia

Il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, ha dichiarato che senza la partecipazione della Russia un accordo per esportare il grano dai porti ucraini è «difficilmente fattibile». Lo riporta l'agenzia Interfax. «Nelle condizioni in cui la Russia parla dell'impossibilità di garantire la sicurezza della navigazione in queste aree, un accordo del genere è difficilmente fattibile, e assume un carattere diverso: molto più rischioso, pericoloso e non garantito», ha dichiarato il portavoce del Cremlino.

A Kiev 80% dei residenti senza acqua, 350mila case senza luce

I nuovi attacchi missilistici russi lanciati questa mattina hanno lasciato senza acqua l'80% degli utenti di Kiev e interrotto la fornitura di energia elettrica a 350.000 case: lo ha reso noto su Telegram il sindaco della capitale Vitali Klitschko. «A causa dei danni subiti ad una centrale elettrica vicino a Kiev, l'80% dei consumatori della capitale è rimasto senza acqua», ha scritto Klitschko aggiungendo che «350.000 famiglie di Kiev sono rimaste senza elettricità».

Missile abbattuto dai sistemi di difesa ucraini è caduto in Moldavia

Un missile abbattuto dai sistemi di difesa ucraini è caduto stamane sul territorio della Moldavia, provocando danni, ma non si registrano vittime. Il vettore è precipitato vicino al villaggio di Naslavcha, nel nord del Paese, vicino alla frontiera ucraina. Lo riferisce il ministero dell'Interno moldavo citato dall'agenzia russa Ria Novosti.

Erdogan conferma impegno per accordo sul grano

La Turchia «si impegna a continuare gli sforzi» per arrivare a un accordo sul grano ucraino: lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Russi oggi hanno lanciato «più di 50 missili da crociera»

«Più di 50 missili da crociera» sono stati lanciati oggi sull'Ucraina dalle forze russe: lo rende noto l'esercito ucraino.

Dodici navi cariche di grano partite dall'Ucraina

Dodici navi per l'esportazione di grano sono partite oggi dall'Ucraina, nonostante la Russia si sia ritirata dall'accordo sul grano mediato dalla Turchia e dall'Onu. Lo annuncia il ministro ucraino delle infrastrutture Oleksandr Kubrakov su Twitter. «Oggi 12 navi hanno lasciato i porti ucraini. Le delegazioni dell'Onu e della Turchia hanno messo a disposizione dieci squadre di ispezione per controllare 40 navi al fine di soddisfare l'iniziativa sul grano del Mar Nero. Il piano di ispezione è stato accettato dalla delegazione ucraina. La delegazione russa è stata informata», ha affermato il ministro.

Kiev: massiccio attacco russo a strutture energia ucraine

Le forze russe hanno sferrato un «attacco massiccio» alle strutture energetiche ucraine: lo afferma la presidenza del Paese

Partite stamattina due navi cariche di grano

Due navi cariche di grano hanno lasciano questa mattina i porti ucraini: è quanto emerge da un sito web che segue il traffico marittimo.

Vola il prezzo del grano dopo stop di Mosca

Vola il prezzo del grano sui mercati internazionali dopo che la Russia ha sospeso l'accordo con l'Ucraina per il passaggio del grano di Kiev attraverso il Mar Nero in seguito agli attacchi subiti dalla sua flotta a Sebastopoli. I future sul grano tenero balzano del 5,6% a 8.762,5 dollari al bushel, dopo aver toccato un massimo del 7,7%, mentre quelli sul grano duro salgono del 4,8% a 9.645 dollari il bushel, dopo un picco del +6,2%, sui timori di un nuovo blocco all'export di grano ucraino, tra i principali produttori internazionali di frumento. Tra i beni alimentari si surriscaldano anche il mais (+2,3% a 696,7 dollari) e l'olio di palma (+2,8%).

Quartieri di Kiev senza elettricità

Alcuni quartieri di Kiev sono questa mattina senza corrente elettrica dopo gli attacchi russi: lo ha reso noto il sindaco della capitale.

Ucraina sotto attacco, contraerea risponde

L'Ucraina è sotto intenso attacco aereo stamattina. L'allarme, infatti, è scattato in tutto il territorio alle 7,30, dalle regioni di Zhytomyr, Vinnitsa, Cherkasy, Chernivtsi, Kharkiv, Kirovograd, Nikolaev, Odessa, Poltava, fino alla stessa regione di Kiev, con esplosioni che si sono udite anche nella capitale, dove la difesa aerea sta operando con efficacia, ha riferito l'amministrazione militare della città su Telegram. Le truppe russe hanno attaccato un'infrastruttura importante a Cherkasy, che ha isolato parte della regione, ha riferito il capo dell'amministrazione militare regionale Ihor Taburets. Anche il sindaco di Kharkiv, Igor Terekhov, ha riferito anche degli attacchi russi alle infrastrutture critiche della città.

Forze ucraine respingono attacchi vicino a 11 insediamenti

Le forze ucraine hanno respinto attacchi russi vicino a 11 insediamenti nella giornata di ieri: lo ha reso noto su Facebook lo Stato Maggiore delle Forze Armate del Paese, come riporta Ukrinform. Durante la giornata sono stati respinti attacchi nei pressi degli insediamenti di Zelene nella regione di Kharkiv; Bilohorivka, Mykolaivka e Novoselivske nella regione di Lugansk; Avdiivka, Bakhmutske, Vesele, Vodiane, Maiorsk, Marinka e Novobakhmutivka nella regione di Donetsk. Le truppe russe, aggiunge lo Stato Maggiore, stanno cercando di tenere le aree temporaneamente occupate, concentrando gli sforzi per limitare le azioni delle forze ucraine. Allo stesso tempo, continuano i tentativi di condurre operazioni offensive nelle direzioni di Bakhmut e Avdiivka.

Almeno 5 esplosioni avvertite a Kiev

Almeno cinque esplosioni sono state udite dai giornalisti dell'Afp nella capitale ucraina tra le 8.00 e le 8.20 ora locale (le 7:00 e le 7:20 in Italia). Le esplosioni giungono tre giorni dopo l'attacco alla flotta russa in Crimea, che Mosca ha attribuito all'Ucraina con l'aiuto di Londra.

Colloquio telefonico Blinken-Wang

Il segretario di Stato americano Antony Blinken e l'omologo cinese Wang Yi hanno avuto un colloquio telefonico incentrato su questioni bilaterali e sulla crisi in Ucraina. Lo riferisce una nota del portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price, secondo cui Blinken ha rilevato «la necessità di mantenere aperte le linee di comunicazione e di gestire responsabilmente» le relazioni Usa-Cina. «Il segretario ha sollevato la questione della guerra della Russia contro l'Ucraina e le minacce che pone alla sicurezza globale e alla stabilità economica», parlando anche del deterioramento della situazione umanitaria e della sicurezza ad Haiti.

I colloqui tra i capi della diplomazia di Usa e Cina sono l'ultimo scambio bilaterale dopo il XX Congresso nazionale del Pcc e prima del G20 indonesiano di Bali del 15-16 novembre prossimi dove è atteso il primo summit in persona tra i presidenti Joe Biden e Xi Jinping. E sono anche i primi tra Blinken e Wang, dopo che quest'ultimo è stato promesso nel Politburo alla fine del congresso, avviandosi a guidare la diplomazia del Pcc. «Nella mia telefonata con il ministro degli Esteri Wang Yi, abbiamo parlato dei nostri sforzi per gestire responsabilmente la competizione tra i nostri due Paesi, la guerra della Russia contro l'Ucraina e il sostegno ad Haiti», ha scritto Blinken su Twitter. La telefonata ha fatto seguito all'incontro di Wang della scorsa settimana con l'ambasciatore americano a Pechino, Nicholas Burns, quando il ministro degli esteri cinese ha affermato che entrambe le nazioni non sarebbero state in grado di «cambiarsi a vicenda». Le tensioni Usa-Cina sono aumentate, tra la mancata condanna di Pechino dell'invasione russa dell'Ucraina e le massicce esercitazioni militari dell'Esercito popolare di liberazione in risposta alla visita a Taipei del 2-3 agosto scorsi della speaker della Camera americana Nancy Pelosi. Un nuovo documento sulla strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha etichettato la Cina come la «sfida geopolitica più consequenziale» per gli Usa. In una lettera della scorsa settimana al gala annuale del Comitato nazionale per le relazioni Usa-Cina a New York, Xi ha affermato di volere un ritorno a un solido sviluppo delle relazioni. «La Cina è pronta a collaborare con gli Usa per trovare il modo giusto per andare d'accordo nella nuova era, sulla base del rispetto reciproco, della coesistenza pacifica e della cooperazione vantaggiosa per tutti», ha affermato Xi. In un messaggio allo stesso evento, Biden ha affermato che gli Stati Uniti continueranno a investire per rafforzare la competitività americana a livello globale e collaboreranno con qualsiasi nazione per mantenere «l'ordine basato sulle regole».

Putin si congratula con Lula

Il presidente russo Vladimir Putin si è congratulato oggi con Luiz Inacio Lula da Silva, vincitore delle elezioni presidenziali in Brasile, e ha affermato di voler sviluppare una «cooperazione costruttiva» con lui. Lo rende noto il Cremlino. «Accetta le mie sincere congratulazioni. I risultati delle elezioni hanno confermato la tua grande autorità politica. Spero che, facendo sforzi congiunti, garantiremo l'ulteriore sviluppo della cooperazione russo-brasiliana costruttiva in tutti i settori», ha affermato Putin in un telegramma a Lula, secondo la presidenza russa.

Esplosioni a Kiev lunedì mattina

Alcune esplosioni hanno scosso questa mattina la capitale ucraina Kiev: lo riportano giornalisti dell'agenzia di stampa Afp sul posto.

Guerra in Ucraina, le ultime notizie in diretta. Continua il conflitto in est Europa: a Kiev lunedì mattina un nuovo raid aereo sulla capitale con la popolazione che ha avvertito almeno 5-6 esplosioni. Probabilmente frutto di una risposta del Cremlino all'attacco ucraino su Sebastopoli. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA