Hong Kong come il Venezuela: l’ultima speranza è Trump

Lunedì 9 Settembre 2019 di Luca Marfé
«Presidente Trump: libera Hong Kong».

Il grido che si leva da oriente è disperato e giunge fino alla Casa Bianca.
E così il tycoon, costantemente sotto scacco in patria a causa di polemiche interne mai finite, si ritrova in maniera quasi bizzarra eroe altrove.

La protesta infiamma letteralmente le strade, tra barricate che si levano come mura di fuoco e la Cina che, dal canto suo, non molla la presa.

Decine di migliaia di manifestanti alle porte del consolato a stelle e strisce, dunque.
E un messaggio chiaro: abbiamo bisogno di voi, da soli non ce la facciamo.



Se non un film già visto, uno scenario socio-politico che presenta un gran numero di punti in comunque con quello del più vicino Venezuela.

In entrambi i casi, un popolo strangolato dal suo stesso governo che si ritrova a sperare in una grave ma necessaria ingerenza esterna. Addirittura in un’invasione.

«Condividiamo gli stessi valori di libertà e democrazia», spiega uno dei tanti volti della piazza di Hong Kong. «Gli Stati Uniti sono il Paese della democrazia, Trump è stato eletto dalla sua gente, vogliamo esattamente questo».

La possibilità di scegliere negata invece da Pechino.



Tre mesi di caos e apparentemente nessuna via d’uscita. Se non, appunto, un eventuale colpo di scena da Washington.

Proprio come per Caracas, Trump è tentato dall’idea di recitare la parte del paladino. I suoi consiglieri tendono, però, com’è ovvio che sia, a dissuaderlo.

Sul fronte latinoamericano, per le complesse ramificazioni storico-politico-ideologiche che ruotano attorno all’intero continente, in particolare rappresentate dal diffuso e potenzialmente esplosivo sentimento antiamericano.

Su quello orientale, per delle relazioni già di per sé al limite dello scontro con la Cina che colpisce e che viene colpita dai dazi.

È chiaro che su questo versante specifico passare dalle tensioni economiche a una brusca rottura diplomatica aprirebbe a rischi che è difficile anche soltanto immaginare.

Eppure a Hong Kong ci credono. Un po’ come qualcuno continua a crederci pure nella terra di Bolívar.

Eppure, quasi incredibilmente, c’è chi ripone in Trump la sua ultima speranza.

Ultimo aggiornamento: 15:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA