Covid, in India i morti 10 volte più dei numeri ufficiali: «Fino a 4,9 milioni contro i 400mila dichiarati»

Venerdì 30 Luglio 2021
Covid, in India morti fino a 10 volte più di numeri ufficiali: «Fino a 4,9 milioni contro i 400mila dichiarati»

Altro che poco più di 400mila morti. Secondo uno studio del Center of Global Development di Washington, i morti di Covid-19 in India sarebbero molti di più. Perché i decessi in eccesso stimati (quelli in più rispetto a una condizione di "normalità") sono circa 4,9 milioni. Un'ulteriore prova del fatto che i conti ufficiali non hanno mai rispettato il reale andamento della pandemia in uno dei Paesi più colpiti al mondo. Il rapporto del centro americano, a cui ha collaborato anche l'ex consigliere all'economia indiano Arvind Subramanian, ha incluso i morti per tutte le cause dall'inizio della pandemia fino al giugno di quest'anno. 

La variante Delta divide in due il mondo: meno ci si vaccina, più si muore

I dati tra conteggi ufficiali e numeri reali

Il conteggio ufficiale dell'India indica 414.000 morti, il terzo dato più alto al mondo dopo Stati Uniti e Brasile, ma la realtà sarebbe diversa: «Ciò che è tragicamente chiaro è che troppe persone, in milioni anziché in centinaia di migliaia, potrebbero essere morte», spiega il rapporto, stimando tra 3,4 milioni e 4,9 milioni i morti in eccesso durante la pandemia. In India sono tantissimi gli esperti che negli ultimi mesi hanno richiesto un conteggio ufficiale dei morti. Specialmente tra maggio e aprile, dove i contagi sono aumentati a dismisura a causa della variante Delta, che avrebbe ucciso 170.000 persone solo a maggio. 

Le stime degli esperti

«Per ogni Paese è importante catturare l'eccesso di mortalità, l'unico modo per preparare il sistema sanitario a shock futuri e prevenire ulteriori decessi», ha scritto Soumya Swaminathan, capo scientifico dell'Oms. Secondo il New York Times, la stima più prudente dei decessi in India è stata di 600.000 e lo scenario peggiore molte volte superiore. Il governo indiano però ha respinto queste cifre.

Il governo del primo ministro Narendra Modi è stato anche criticato per una campagna di vaccinazione disordinata che secondo gli esperti ha contribuito a peggiorare la seconda ondata di infezioni: al momento poco più dell'8% degli indiani adulti idonei ha ricevuto entrambe le dosi di vaccino.

 

 

Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 11:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA