Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Voto Regno Unito, svolta in Irlanda del Nord: vince Sinn Fein, prima volta per un partito nazionalista (ex braccio politico dell’Ira)

Sabato 7 Maggio 2022
Voto Regno Unito, svolta in Irlanda del Nord: vince Sinn Fein, prima volta per un partito nazionalista (ex braccio politico dell’Ira)

Svolta dal sapore storico - fra entusiasmi, inquietudini e incognite - in Irlanda del Nord: ultima frontiera nello scrutinio della tornata di elezioni amministrative che giovedì ha avuto luogo nel Regno Unito suggellando nel resto del Paese (fra i Municipi d'Inghilterra, Scozia e Galles) l'attesa sconfitta del Partito conservatore del premier Boris Johnson, azzoppato dallo scandalo Partygate, senza consegnare tuttavia una vittoria vera all'opposizione laburista. 

 

Ucraina, Macron: «Agiremo subito per fermare escalation guerra»

 

I risultati

Nella più piccola e turbolenta nazione del Regno il risultato è stato viceversa chiarissimo nel suo significato, suggellato dal sorpasso dei repubblicani cattolici dello Sinn Fein, ex braccio politico di quella che fu la guerriglia dell'Ira fino alla sanguinosa stagione dei Troubles, sulla maggiore formazione unionista protestante, il Dup, battuto non solo in termini percentuali (29% contro 21,3 dei consensi), ma soprattutto - e non era mai accaduto - per numero di seggi: 28 contro 25 sui 90 totali che compongono l'assemblea parlamentare locale di Stormont, a Belfast. Una maggioranza relativa che, in ogni caso, assicura al partito simbolo del nazionalismo irlandese più identitario di marca operaia e cattolica il diritto di candidarsi alla guida d'un nuovo governo unitario locale, invertendo per la prima volta i rapporti di forza rispetto al Dup nell'ambito della problematica alleanza fra opposti che amministra tradizionalmente questo territorio martoriato sin da dopo la pace del Venerdì Santo del 1998. «Oggi entriamo in una nuova era, è un momento cruciale per la nostra vita politica e il nostro popolo», ha esultato a caldo Michelle ÒNeill, 45 anni, capofila dello Sinn Fein nel nord, senza nascondere l'ambizione di passare dalla carica di vicepremier ricoperta negli anni scorsi a quella di first minister di Belfast, per lasciare stavolta il ruolo di vice al Dup. 

Lo scenario

«Esprimerò una leadership inclusiva, che celebri le diversità garantendo diritti ed eguaglianza a coloro che sono stati esclusi, discriminati o ignorati nel passato», ha quindi aggiunto fra le ovazioni dei sostenitori che negli ex quartieri ghetto di Belfast, Derry (Londonderry solo nella denominazione lealista o britannica) e di altre località si lasciavano andare a una gioia innaffiata di birra e sensazioni di rivincita. La partita in realtà per lo Sinn Fein - vincitore per proporzione di suffragi anche in Irlanda della Sud alle ultime elezioni politiche della Repubblica, sotto la leadership di un'altra donna, Mary Lou McDonald, ma poi a Dublino tagliato fuori dal governo - inizia adesso.

 

Il Dup, per bocca del suo numero uno, Jeffrey Donaldson, ne ha subito riconosciuto il successo congratulandosi con ÒNeill. Ma senza dare per scontato a priori il via libera a un governo di coalizione guidato dalla donna che con McDonald ha normalizzato - sull'onda di un chiaro ricambio generazionale - il partito ereditato da reduci della stagione della lotta armata come Gerry Adams o Martin McGuinness: partito che peraltro continua a sventolare la bandiera nazionalista della riunificazione con la Repubblica d'Irlanda, per quanto in una prospettiva temporale indeterminata frenata dal sostanziale stallo demografico e dal fatto che Dublino si guarda bene al momento dal sostenere concretamente un orizzonte conflittuale; e che sul piano economico-sociale rivendica posizioni di sinistra radicali se paragonate al tradizionalismo destrorso di Donaldson e dei suoi.

 

Se la trattativa dovesse saltare, sullo sfondo delle tensioni post Brexit riemerse nei mesi scorsi in Ulster, la gestione dell'amministrazione di Belfast tornerebbe d'altronde nella mani del governo centrale Tory di Londra. Da dove il ministro per gli Affari Nordirlandesi di Boris Johnson, Brandon Lewis, non ha mancato stasera d'incoraggiare repubblicani e unionisti a trovare comunque un'intesa anche nel nuovo scenario, a rimanere fedeli alla pace del Venerdì Santo, a non interrompere la strada «della riconciliazione». Oltre che ad archiviare le rispettive etichette ulteriori recenti di anti-brexiteer e brexiteer.

Ultimo aggiornamento: 8 Maggio, 21:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA