Guerra, Kadyrov manda i tre figli minorenni Ucraina: «Li ho addestrati sin da bambini»

Ucraina, il ceceno Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte: «Li ho addestrati sin da bambini»
Ucraina, il ceceno Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte: «Li ho addestrati sin da bambini»
Lunedì 3 Ottobre 2022, 12:39 - Ultimo agg. 13:26
3 Minuti di Lettura

Il Presidente filo-russo della Cecenia Ramzan Kadyrov ha annunciato su Telegram di aver inviato al fronte in Ucraina i suoi tre figli maschi minorenni.

Akhmat, 14 anni, Eli, 15, e Adam, 16, «sono pronti a mostrare le loro capacità nel territorio dell'operazione militare speciale», ha scritto sul suo canale Telegram.  In allegato c'è anche un video che mostra i tre giovanissimi vestiti da militari durante l'addestramento con diversi tipi di armi. «Non sto scherzando. È arrivato il momento che dimostrino quanto valgono in battaglia. Sostengo la loro ambizione», ha aggiunto. 

Addestrati per combattere sin da bambini 

Kadyrov ha comunicato la decisione di far combattere i figli minorenni con un lungo messaggio su Telegram n cui scrive che i ragazzi sono stati addestrati sin da bambini per combattere: «Hanno rispettivamente 16, 15 e 14 anni. Ma il loro addestramento militare è iniziato molto tempo fa, fin dalla tenera età. Non basta saper sparare, viene insegnato loro come maneggiare varie armi, come usarle a qualsiasi distanza e le basi teoriche. Ho sempre creduto che l'obiettivo principale di ogni padre fosse instillare pietà nei suoi figli e insegnare loro a proteggere la famiglia, le persone, la Patria. Se vuoi la pace prepara la guerra!». Poi aggiunge: «È tempo di mettersi alla prova in una vera lotta, e questo è il loro desiderio, lo accolgo con favore. Presto andranno in prima linea e si troveranno sui tratti più difficili della linea di contatto». 

 

Il gesto è anche una risposta ad alcune critiche ricevute dal presidente, che era stato criticato e attaccato: «Faccio appello agli oziosi che affermano che i miei parenti non prendono parte alla guerra: nel prossimo futuro avrete l'opportunità di vedere i ragazzi». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA