Ragazza sbranata e uccisa dal cane: il fratello le aveva regalato l'animale per il suo percorso di cura

Sabato 5 Giugno 2021
Ragazza sbranata e uccisa dal cane: il fratello le aveva regalato l'animale per il suo percorso di cura

È ancora sconvolto il fratello di Keira Ladlow, la ragazza di Birmingham che lo scorso febbraio è stata sbranata dal cane che lui le aveva regalato. Prova un «terribile senso di colpa», come ha detto agli inquirenti, che ora stanno indagando per capire com'è stata uccisa la sorella. La giovane di 21 anni è stata infatti trovata nel salotto di casa in una pozza di sangue, a faccia in giù, mentre Gucci, il bull terrier che le faceva compagnia, stava in un angolo. Il medico legale di Birmingham, Rebecca Ollivere, ha detto che la signora Ladlow è morta per lesioni multiple provocate dai morsi del cane.

La patologia - Keira Ladlow soffriva di un disturbo emotivo instabile della personalità e i medici le avevano prescritto degli antidepressivi. Così è indicato in una dichiarazione scritta del dottor Syed Faisal Haq che aveva in cura la giovane. Viveva con il fratello, che le aveva regalato il cane, chiamato Gucci, per la pet therapy. 

L'inchiesta - La notte prima di morire, la giovane Ladlow ha detto a suo fratello aveva la sensazione che il cane Gucci l'avrebbe morsa. Ma Barrett non ha dato peso a quanto diceva, pensando che la sorella non avesse preso le medicine. È uscito per andare a lavoro il 5 febbraio con il cane che dormiva sul letto insieme alla sorella, ma quando è tornato, verso le 2 del pomeriggio, ha visto sua sorella senza vita sul pavimento di casa. L'agente Sam Ahmed della West Midlands Police ha dichiarato che i vicini hanno riferito di aver sentito un cane abbaiare e una donna che correva su per le scale tra le 10:00 e le 11:00. Secondo il medico legale Ollivere «nessuno saprà mai cosa ha causato il tragico cambiamento» negli eventi di quel giorno.

Ultimo aggiornamento: 17:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA