Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Stati Uniti, legge sull'aborto bloccata dal Senato. Biden: «Continueremo a combattere per le donne»

Mercoledì 11 Maggio 2022
Joe Biden

Il Senato americano blocca il provvedimento per garantire alle donne l'accesso all'aborto a livello federale. E scatena l'ira della Casa Bianca. «Continueremo a combattere», dice il presidente Joe Biden puntando il dito contro l'ostruzionismo dei repubblicani che, compatti e contando anche sul voto del democratico Joe Manchin, hanno bocciato la misura. Il blocco era ampiamente atteso ma questo non calma le polemiche.

In Cassazione il caso della bimba che il padre biologico non voleva far nascere e ora le impone il suo cognome

Legge sull'aborto negli Stati Uniti, il provvedimento

Il provvedimento, che avrebbe recepito trasformando in legge la storica sentenza della Corte Suprema, aveva bisogno di 60 voti per procedere il suo iter. Ne ha ricevuti invece solo 49. Pur dando per scontato il fallimento - visto la spaccatura del senato 50 a 50 e le profonde differenze sull'aborto - i democratici hanno deciso di provare lo stesso per mostrare all'America e agli americani l'estremismo dei repubblicani e per cercare di convincere gli elettori indecisi a eleggere un maggior numero di liberal alle prossime elezioni di novembre.

Usa, Corte Suprema e aborto: cos'è la sentenza Roe v. Wade

Il dibattito sull'aborto

Il dibattito sull'aborto si è riacceso nelle ultime settimane con la fuga di notizie dalla Corte Suprema. I saggi sembrano infatti orientati a capovolgere la Roe v. Wade, la sentenza del 1973 che ha legalizzato l'aborto negli Stati Uniti. Le bozza di decisione firmata dal giudice Alito e pubblicata dai media americani ha infiammato gli animi e scatenato proteste in tutta America, con le donne in campo decise a preservare il loro diritto di scelta di fronte a una Corte Suprema a maggioranza conservatrice. 

 

La posizione dei democratici

I democratici sono corsi ai ripari dichiarando battaglia in difesa di un diritto ormai acquisito e che, a loro parere, va tramutato ora in legge per essere difeso. «Non smetteremo mai di difendere le nostre libertà fondamentali. Gli americani dovranno ricordarsi alle urne in novembre di chi ha cercato di punire e controllare le decisioni delle donne», afferma la speaker della Camera, Nancy Pelosi. «Tristemente il Senato ha fallito nel difendere il diritto di scelta delle donne sul proprio corpo», tuona la vicepresidente Kamala Harris. Parole dure arrivano anche da Biden. La bocciatura dei repubblicani in Senato «arriva mentre i diritti costituzionali delle donne sono sotto attacco e va contro la volontà della maggioranza degli americani», dice il presidente cogliendo l'occasione per ricordare agli elettori di votare democratici pro-scelta alle prossime elezioni. Biden poi rassicura le donne: anche di fronte all'incapacità del Congresso di agire «continueremo a valutare misure e strumenti» per difendere il loro diritto di scelta.

Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 06:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento