Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Operai torturati dal datore di lavoro: «Martellate, elettrochoc e acqua gelata». Le immagini choc

Mercoledì 29 Giugno 2022
Operai torturati dal datore di lavoro: «Martellate, elettrochoc e acqua gelata». Le immagini choc

Mentre in Italia tanti imprenditori lamentano la mancanza di personale puntando il dito sul reddito di cittadinanza o sulla scarsa voglia di lavorare dei giovani, e dall'altra parte si ribatte sottolineando le paghe da fame in troppi settori lavorativi, altrove il dibattito monta su questioni decisamente più gravi. Orrore e sdegno ha provocato nelle ultime ore in Libano la diffusione di un video in cui si ritraggono sedici operai agricoli, tra siriani e libanesi, tra cui minori, torturati, percossi, umiliati per lunghe ore dal loro datore di lavoro, di nazionalità libanese, nel Monte Libano a nord-est di Beirut.

Il quotidiano libanese francofono L'Orient-Le Jour e altre piattaforme media hanno dato ampio risalto alla vicenda che ha spinto a intervenire lo stesso ministro degli interni libanese, Bassam Mawlawi, e il capo della polizia Imad Osman, sollecitando le autorità investigative e giudiziarie competenti. Le presunte violenze - a quanto pare scatenate dopo la richiesta da parte degli operai di ricevere il salario settimanale - sono state riprese da un filmato, datato 20 giugno, e sono state compiute nella zona di Akura, nel distretto montagnoso di Jbeil (Byblos) a nord-est di Beirut.

Il presunto colpevole, Charbel Tarabey, e suoi quattro complici sono ora in stato di fermo con l'accusa di «sequestro di persona, torture, minacce, uso di armi». Muhammad Baarini, avvocato delle presunte vittime - 13 siriani e tre libanesi - ha affermato ai media che Tarabey e i suoi complici rischiano ora una pena massima di tre anni. Nel filmato si mostrano i 16 operai agricoli allineati in piedi di fronte a un muro, senza vestiti, legati a catene, ciascuno con una patata infilata nella bocca. Fuori campo si sentono le urla di Tarabey e di altri suoi complici che urlano agli operai mentre vengono percossi ripetutamente e insultati. Secondo le testimonianze, raccolte dagli investigatori e recepite dalla procura di Jbeil, gli operai, tra cui figurano adolescenti, sono stati torturati per lunghe ore con fili elettrici, martelli, bastoni, storditi con getti di acqua gelata e scariche elettriche.

Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 13:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA