Libia, Haftar respinto dalle forze governative: cento morti da inizio scontri, tra cui 28 bambini

Libia, 100 morti da inizio scontri, tra cui 28 bambini. Onu: «Fuga da Tripoli»
ARTICOLI CORRELATI

In Libia i militari del governo Sarraj hanno respinto l'offensiva delle forze di Khalifa Haftar a Suani Ben Adem, 25 km a sudovest di Tripoli. Lo ha constatato l'inviato dell'ANSA sul posto. Dal centro della cittadina si levano dense colonne di fumo nero, mentre truppe di fanteria di Haftar sono rimaste tagliate fuori dalle retrovie e aprono il fuoco contro i soldati di Tripoli nel tentativo di aprirsi una via di fuga.

Le forze militari fedeli al governo nazionale libico guidate da Fayez al Sarraj hanno lanciato una controffensiva sul fronte sud sud-ovest. «Combattiamo per la nostra terra, per tutti i libici. Per questo sino ad oggi siamo ancora rimasti sulla difensiva: anche i soldati di Haftar sono compatrioti», ha detto.


Dopo violenti scontri durati per tutta la notte, le forze del maresciallo Khalifa Haftar, avevano sfondato il fronte a sud di Tripoli, conquistando el Azizia, circa 50 km dalla capitale. Ed è salito ad almeno 100 il numero dei morti - tra i quali 28 bambini - e oltre 500 i feriti registrati in Libia dal 4 aprile ad oggi a causa dei combattimenti in corso. Oltre 200 i bambini che risultano feriti. Lo riferisce all'ANSA il presidente dell'Associazione medici stranieri in Italia (Amsi) Foad Aodi, anche consigliere dell'Ordine dei medici di Roma, che in queste ore è in contatto con medici libici in vari ospedali. Gli ospedali in Libia, afferma, «sono al collasso e sono triplicate le richieste di operare in Italia i bimbi feriti».

Libia, Conte convoca Gabinetto su crisi. A Tripoli migliaia in piazza contro Haftar

Libia: Commissione Ue in 'contatto permanente con Onu'


I combattimenti ora si concentrano attorno a Suani ben Adem, circa 25 km da Tripoli. «C'è il serio rischio, concreto rischio, di una crisi umanitaria che vogliamo scongiurare». Lo ha detto a Bari il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. «Quando ragioniamo di Libia - ha precisato - non pensiamo solo alla immigrazione, noi pensiamo anche a pacificare un Paese che è centrale per tutti gli equilibri: del Nord Africa, mediorientali e del Mediterraneo intero, e quindi dell'Unione europea».
 

Raid aereo su Ain Zara. Le forze del maresciallo Khalifa Haftar hanno compiuto un raid aereo contro un compound delle forze fedeli al governo di unità nazionale nei pressi di Ain Zara, 15 km a sudovest di Tripoli. Lo riferiscono fonti nella capitale, secondo cui i caccia non hanno centrato l'obiettivo, colpendo una scuola elementare, oggi chiusa.



Evacuazione. Circa 4.500 persone hanno richiesto l'evacuazione dalle aree colpite dal conflitto verso aree relativamente più sicure, ma solo per 600 è stato possibile garantire un'uscita sicura. «I bassi tassi di evacuazione sono dovuti agli scontri in corso e le segnalazioni sul targeting indiscriminato e deliberato dei veicoli per le ambulanze», si legge nella nota. «La comunità umanitaria è preoccupata per il numero crescente di vittime civili, compreso il personale medico. In appena una settimana, tre medici sono stati uccisi e cinque ambulanze sono state rese inservibili da schegge di proiettili». La comunità umanitaria rimane impegnata ad assistere coloro che in Libia hanno bisogno di assistenza durante questo periodo di crisi. Il meccanismo di risposta rapida in Libia è stato attivato l'11 aprile - si legge nella nota - e in due giorni ha già raggiunto 2.000 persone con un pacchetto base che include kit per l'igiene, razioni di cibo e altro materiale.

Allarme Onu. È di oltre 13.500 il numero degli sfollati dall'inizio degli scontri armati a Tripoli e dintorni. Lo scrive l'Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari umanitari (Ocha) in un «aggiornamento flash» sulla situazione nei dintorni della capitale, precisando che 4 mila sono le persone che hanno lasciato le proprie case nelle ultime 24 ore.​
 
Sabato 13 Aprile 2019, 10:05 - Ultimo aggiornamento: 13-04-2019 18:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-04-13 14:29:08
Il discorso della Francia non cambia dal 2011 quando ha fatto di tutto per affondare l'Italia, costringendo il nostro Paese ad appoggiare il loro losco affare della guerra contro la Libia attraverso la Nato. Oggi, nonostante il disastro causato alla Libia e in particolare all'Europa invasa da massicci flussi migratori e terroristici scaturiti dalla guerra, non demorde perché, principalmente non é confinante direttamente con il Nord Africa e quindi non si spaventa dei movimenti di massa che vuole affidare alla solo Italia, ma principalmente vuole il petrolio da sottrarre all'Italia, ma ciò, porterà alla sola guerra civile in Libia e in tale contesto la Francia sarebbe comunque perdente. Fa bene oggi Salvini a minacciare il Macron del rendersi responsabile di un ulteriore aggravante alla instabilità della Libia e del grande flusso migratorio verso l'EU che potrebbe scatenare l' evento in atto, oltre ai terroristi che dopo invaderanno la Libia, visto che Haftar sarà comunque un altro dittatore da combattere
2019-04-13 12:33:14
Hanno avuto il nulla osta da Macron, altro che cugini , caro ministro Conte, questi francesi vogliono il petrolio per la Total,azienda di stato, e se ne fregano dell´Italia e del resto europa e i tedeschi lo hanno capito, per questo lo tengono a bada.
2019-04-13 11:34:02
Tutti i migranti libici ora dovrebbero andare in Francia che sta attizzando il fuoco

QUICKMAP