Microsoft chiude LinkedIn in Cina, pesa la legislazione restrittiva. Era l'unico social network Usa nel Paese

Venerdì 15 Ottobre 2021
Microsoft chiude Linkedin in Cina, pesa la legislazione restrittiva

Chiude la versione cinese di LinkedIn. A renderlo noto è la stessa Microsoft spiegando che alla base della decisione c'è una legislazione cinese troppo restrittiva. LinkedIn, unico social statunitense presente in Cina, è stato recentemente preso di mira dopo che la piattaforma ha bloccato i profili di diversi giornalisti americani in Cina, citando contenuti illegali. Il caso ha richiamato l'attenzione sui compromessi che il servizio deve fare per rimanere sul mercato in Cina.

Green pass e viaggi, si torna a partire. Da Bali alle Fiji fino alla Thailandia, ecco le mete da sogno che riaprono

Una nuova applicazione, comunque, dovrebbe essere lanciata da Microsoft in Cina per la ricerca di lavoro e di personale ma non ci sarà la possibilità di condividere contributi e articoli. Le piattaforme online in Cina sono obbligate a mettere a disposizione delle autorità i dati degli utenti cinesi su richiesta e a rimuovere i contenuti vietati nel Paese, come i riferimenti al massacro di Piazza Tiananmen. Secondo i resoconti dei media statunitensi, negli ultimi mesi le autorità hanno chiesto a LinkedIn di applicare le regole in modo più rigoroso. 

 

Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre, 12:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA