Maddie McCann, si riapre il caso. Il procuratore tedesco: «Ci sono prove che ​Christian Bruckner sia l'assassino»

Mercoledì 4 Maggio 2022
Maddie McCann, si riapre il caso. Il procuratore tedesco: «Ci sono prove che Christian Bruckner sia l'assassino»

Si riapre il caso Maddie. «L'indagine contro Christian Bruckner è ancora in corso e credo che ci siano nuove prove che possono darci la certezza che sia lui l'assassino di Madeleine McCann», è quanto ha dichiarato il procuratore tedesco Hans Christian Wolter durante un'intervista con la testata portoghese Sabado. Wolter si riferiva al cosiddetto «caso Maddie», dal soprannome della bambina inglese che il 3 maggio del 2007, quando aveva 3 anni, sparì dalla stanza dove dormiva con i fratelli in un residence di Praia da Luz, nel sud del Portogallo.

 

 

Maddie, scomparsa 15 anni fa

L'intervista è stata pubblicata in occasione del quindicesimo anniversario dalla sua sparizione. Tuttavia il procuratore tedesco ammette anche che non ci sono prove forensi e che non sarà scontato riuscire a portare Bruckner davanti ad un giudice per questo caso. L'uomo è recluso in un carcere tedesco per crimini legati alla droga e ha già subito una condanna a sette anni per violenze sessuali nei confronti di una donna di 72 anni statunitense, sempre in Portogallo.

 

 

 

 

Le altre accuse

È inoltre sospettato di altre violenze sessuali, pedofilia e sparizioni di altri bambini. La sua condanna formale è arrivata solo il mese scorso, annunciata dalla procura di Faro con una nota pubblicata online. Secondo quanto aveva dichiarato l'avvocato di Bruckner, Friedrich Fülscher, la formalizzazione dell'accusa sarebbe stata un «trucco processuale», dal momento che un crimine di questo tipo sarebbe potuto entrare in prescrizione dopo quindici anni dal fatto.

Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 07:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA